Luna Shirin Rasia, fidanzata Michele Merlo/ Lo straziante addio: “Grazie a te…”

- Stella Dibenedetto

Luna Shirin Rasia, fidanzata di Michele Merlo, dice addio al 28enne leggendo una struggente lettera durante i funerali: le toccanti parole.

michele merlo selfie 640x300
Michele Merlo

Venerdì 18 giugno, presso lo stadio Toni Zen di Rosà, Michele Merlo ha ricevuto l’ultimo saluto. Ai funerali erano presenti i genitori Domenico e Katia, gli amici e la fidanzata Luna Shirin Rasia con cui Michele ha trascorso le ultime ore prima del malore. Luna, nel corso dei funerlai, ha rivolto un ultimo saluto al fidanzato leggendo una lettera con cui ha espresso tutto il suo amore per il 28enne venuto a mancare a causa di una leucemia fulminante che gli ha provocato un’emorragia cerebrale. “Al mio romantico ribelle. Non potevo non darti un ultimo saluto. Ancora fatico a crederci, è assurdo tutto ciò. Cerco di ricordare quanto bene tu mi abbia fatto e quanto importante tu sia stato per me, e automaticamente i pensieri brutti si annullano come per magia. […] Sai qual è la cosa pazzesca? Che probabilmente il destino ci ha scelti e ci ha donato qualcosa di speciale: un amore puro, semplice e prezioso”, ha detto Luna leggendo la lettera.

La lettera di Luna, la fidanzata di Michele Merlo

La lettera di Luna è un toccante addio a Michele Merlo, il ragazzo che il destino aveva messo sulla sua strada e che le ha insegnato tanto in pochi mesi di vita insieme. Con un grande dolore nel cuore, Luna ringrazia Michele per averle fatto capire ciò che vuole realmente dalla vita. Fatico a spiegare tutto questo a parole. L’unica cosa chiara che ho è che mi hai salvata Miki e te ne sarò per sempre grata. Grazie a te so cosa voglio, so cosa merito e so chi sono. Se mi dovessero chiedere: ‘cosa ti manca da fare con Miki? Cosa ancora non ti ha dato?’, risponderei: ‘niente’. Miki mi ha dato tutto. In poco tempo ci siamo riempiti l’anima di purezza, ed è questo che a me serviva”, ha detto ancora la giovane salutando il suo amore.



© RIPRODUZIONE RISERVATA