Madonna di Medjugorje, messaggio 25 luglio/ “Cuore di Gesù è il rifugio dal peccato”

- Niccolò Magnani

Messaggio della Madonna di Medjugorje, oggi 25 luglio 2019: la preghiera, la conversione e il Cuore di Cristo come rifugio dal peccato

medjugorje_veggente_fede_stadio_palermo_lapresse_2012
Medjugorje, la veggente Marija Pavlovic nello stadio di Palermo nel 2012 (LaPresse)

Dopo ore di attesa, tutti i pellegrini e fedeli affezionati ai richiami della Madonna di Medjugorje possono ora osservare le esatte parole della Regina della Pace affidate alla veggente Marja in un’ennesima calda serata estiva: un messaggio breve, quasi “scarno” rispetto ad altri passati, ma che coglie nel punto vero la “proposta” cristiana, libera e decisiva nello stesso tempo. Il peccato regna sovrano se l’uomo rifiuta il rapporto filiale con Cristo, se rifiuta quella conversione del cuore che la Madonna di Medjugorje non manca volta di sottolineare come essenziale disposizione del proprio animo nell’appropinquarsi alle urgenze ed emergenze della vita di tutti i giorni. Ecco dunque il testo ufficiale, appena tradotto, del messaggio di Medjugorje del 25 luglio 2019 accompagnato dalla consueta preghiera di conversione: «Cari figli! La mia chiamata per voi è la preghiera. La preghiera sia per voi gioia e una corona che vi lega a Dio. Figlioli, verranno le prove e voi non sarete forti ed il peccato regnerà ma se siete miei, vincerete perché il vostro rifugio sarà il Cuore di mio Figlio Gesù. Perciò figlioli, ritornate alla preghiera affinché la preghiera diventi vita per voi, di giorno e di notte. Grazie per aver risposto alla mia chiamata».

DA MEDJUGORJE, LA FEDE E IL TEMPO NUOVO

Dopo il recente messaggio apparso un mese fa dopo l’apparizione a Marja Pavlovic, il sacerdote Don Renzo Lavatori – assiduo frequentatore nei vari pellegrinaggi presso la Madonna di Medjugorje – ha commentato sul portale “La Luce di Maria” le ultimissime parole della Vergine Maria recapitate dalla veggente presso l’intera comunità cristiana. «Interessante vedere come Maria si pone in atteggiamento di gratitudine anzitutto verso Dio il suo Signore. Ma quale il motivo di tale ringraziamento? Lo dice espressamente: Ella ringrazia Dio per il dono che le ha fatto dei suoi figli e apostoli, non solo in senso generico e massiccio, ma propriamente per ognuno di essi come se ciascuno fosse una perla vivente rilasciata da Dio nel suo grembo materno: “Cari figli! Ringrazio Dio per ciascuno di voi. In modo particolare, figlioli, grazie per aver risposto alla mia chiamata”». Nella Madonna si può intravedere tanto l’angoscia per i tempi di oggi quanto l’emozione per la sua generosa maternità divina: ancora Don Renzo spiega «Ella ci fa vedere quello che ci aspetta nel nostro cammino futuro, parlando di tempi nuovi: “Io vi preparo per i tempi nuovi affinché siate saldi nella fede e perseveranti nella preghiera”. Ma che cosa sono i tempi nuovi e cosa Ella intende dire con questa espressione? Si capisce che non si tratta semplicemente di questioni materiali e di benessere fisico e sociale o economico o anche culturale, ma, più profondamente, si tratta dei tempi nuovi rispetto a quelli attuali così nebulosi e sofferenti, così angosciosi e minacciosi». L’invito della Madonna è per rimanere saldi nella fede, confidando nella bontà del progetto divino «nella potenza e giustizia di Dio, che solamente ha il potere di trasformare il male in bene, l’odio in amore, la morte in vita, la realtà carnale nella vitalità dello Spirito».

L’ATTESA PER IL MESSAGGIO DELLA MADONNA DI MEDJUGORJE

Come ogni 25 del mese è attesto anche per oggi il messaggio che la Madonna di Medjugorje consegnerà in dote alla veggente Marja Pavlovic durante l’apparizione odierna: dalla conversione alla preghiera, passando per l’accento posto sempre sul ruolo “positivo” che può donare l’amorevole “maternità” della Regina della Pace su tutti i suoi figli, fedeli o laici che siano. Nel messaggio riportato lo scorso 25 giugno, la Madonna donò al mondo intero un intensa proposta di conversione sorretta sui valori dello Spirito Santo e della pax cristiana contro il pericolo costante di guerra e odio: parole semplici, brevi che però risuonarono in una situazione mondiale del tutto descritta dall’invito della Regina della Pace di Medjugorje «Cari figli! Ringrazio Dio per ciascuno di voi. In modo particolare, figlioli, grazie per aver risposto alla mia chiamata. Io vi preparo per i tempi nuovi affinché siate saldi nella fede e perseveranti nella preghiera, affinché lo Spirito Santo operi attraverso di voi e rinnovi la faccia della terra. Prego con voi per la pace, il dono più prezioso, anche se satana vuole la guerra e l’odio. Voi, figlioli, siate le mie mani tese e camminate fieri con Dio. Grazie per aver risposto alla mia chiamata». Sul portale Medjugorje.ws dove appaiono preghiere e informazioni legate al Santuario bosniaco, ieri campeggiava un passaggio di un messaggio del 25 aprile 1995 tutt’altro che “passato”: «Oggi vi invito all’amore. Figlioli, senza l’amore non potete vivere ne con Dio ne con i fratelli. Perciò vi invito tutti ad aprire i vostri cuori all’amore di Dio che è tanto grande ed aperto per ognuno di voi».

MESSAGGIO MADONNA DI MEDJUGORJE: IL LUOGO E LO SPIRITO

L’amore come “antidoto” alla guerra e al male non è solo un messaggio di “buona speranza” ma è il contenuto più prossimo e vicino del cristianesimo: la Madonna ai veggenti di Medjugorje e a tutto il mondo di fedeli pellegrini continua incessantemente a ricordare come la lieta vicinanza nei rapporti di tutti i giorni, l’accettazione del dolore e il perdono del peccato rappresentano l’occasione unica per la conversione del cuore e dell’anima necessaria alla salvezza personale e universale. Negli scorsi giorni ha parlato l’arcivescovo polacco Hoser inviato dal Papa come visitatore e rappresentante del Vaticano nella comunità di Medjugorje e ha ribadito anche lui questi semplici “concetti”: «È stato un anno intenso, tutto nel segno della Madonna. Medjugorje è un riferimento di preghiera internazionale dove si toccano con mano straordinari frutti spirituali. Mi riferisco ad esempio alle conversioni, alle vocazioni sacerdotali e religiose, alle incessanti confessioni. Non ritengo ci siano tracce di eresia» ha spiegato l’inviato di Papa Francesco ad un anno dalla nomina ed inizio del suo nuovo incarico delicatissimo al centro del Santuario più discusso al mondo. «La gente dice di avvertire la presenza della Madonna – racconta ancora Hoser –. Ma l’aver consentito i pellegrinaggi non va interpretato come un’autenticazione dei noti avvenimenti legati al nome di Medjugorje. Questo è un luogo, benedetto da Dio, di incontro e di dialogo con il Signore attraverso la Vergine, marcato dal silenzio, dal Rosario, dalla meditazione, dalla catechesi, dalla celebrazione dei Sacramenti, in particolare l’Eucaristia e quello della Riconciliazione».

© RIPRODUZIONE RISERVATA