Malika Ayane, Under Uomini/ Video, “Mi sento responsabile verso di loro” (X Factor)

- Raffaele Graziano Flore

Malika Ayane, Under Uomini, video: “Mi sento responsabile verso di loro” ha detto la 35enne giudice di X Factor, tornando a parlare delle polemiche social per le sue valutazioni

Malika Ayane a X Factor
Malika Ayane
Pubblicità

Dopo la prima puntata stagionale dei Live, questa sera Malika Ayane torna in postazione nel parterre dei giudici di X Factor per il secondo appuntamento di cui nei giorni scorsi sono state rese note le assegnazioni: e la 35enne cantautrice milanese in particolare, e molto più dei suoi ‘colleghi’ Samuel dei Subsonica, Mara Maionchi e Sfera Ebbasta, è stata oggetto di alcune critiche per le sue ultime valutazioni tanto da portarla a uno sfogo social che ha fatto molto discutere. Ad ogni modo nello scorso appuntamento sono due in particolare i nomi che hanno colpito la Ayane e sui quale si è anche trovata sostanzialmente d’accordo con gli altri: innanzitutto quando sul palco è salita la band dei Booda che, col brano “212” di Azealia Banks, hanno portato la bionda artista a ringraziarli apertamente di partecipare al talent show targato Sky, tanto è stata convincente la loro performance. Ma la Ayane ha pure speso parole al miele per Sofia Tornabene, che fa ovviamente parte della squadra delle Under Donne, team a cui si pensava sarebbe stata destinata la stessa Malika: la diretta interessata ha apprezzato molto la scelta di Carmen Consoli con il brano “L’ultimo bacio”, ammettendo che la Tornabene ha fatto molto progressi dall’ultima volta.

Pubblicità

MALIKA AYANE E GLI UNDER UOMINI: “MI SENTO RESPONSABILE VERSO DI LORO…”

Ad ogni modo Malika Ayane ha avuto modo di tornare sulle polemiche della scorsa settimana quando ha avuto modo di presentare alla stampa il suo gruppo degli Under Uomini: la 35enne cantautrice ha innanzitutto rivelato quale è il suo ‘modus operandi’ quale coach della squadra, spiegando di sentire un forte senso di responsabilità nei loro confronti e poi aggiungendo che durante le prove, come prima cosa, “abbiamo chiamato un pianista a darci una mano, provando a concentrarci sul brano nudo e solo con la voce”. L’obiettivo della Ayane infatti è quello di aiutare i suoi ragazzi a concentrarsi solamente sul brano in sé, e solamente dopo passare alla fase di produzione delle basi e non disdegnando i momenti in cui si prova tutti assieme: “Anche ascoltando gli altri si capisce come far meglio” ha detto, prima di tornare sull’argomento del giorno ovvero gli attacchi social, spiegando che il suo sfogo non era rivolto a tutti ma solo a chi usa linguaggi e atteggiamenti inadeguati. “Al posto mio poteva esserci invece un ragazzino molto fragile e quindi ci sarebbero state delle conseguenze: per fortuna molti erano d’accordo con me e mi hanno scritto mostrando di avere consapevolezza di quello che volevo dire, se sei popolare devi mandare un messaggio virtuoso”.

Pubblicità

DIRETTRICE PER UN GIORNO DI “VANITY FAIR”

Intanto, oltre alla partecipazione a X Factor 13 e al lavoro sud dei nuovi brani (di cui ha rivelato qualcosa attraverso il proprio profilo Instagram, alludendo a delle basi già pronte), Malika Ayane ha avuto pure l’onore di diventare “guest editor” per l’edizione online di Vanity Fair. La particolare ‘nomina’ è avvenuta lo scorso 24 ottobre, proprio in coincidenza col primo live del talent show di Sky e come è stato spiegato la Ayane non solo parteciperà alle riunioni di redazione del sito di VanityFair ma ne sarà anche direttrice per un giorno, scegliendo per i lettori alcuni pezzi che spazieranno dal canale beauty a quello della moda e dei viaggi. “In più si trasformerà per noi in giornalista (quello che avrebbe voluto essere se non avesse seguito la sua vocazione per il canto) e scriverà l’articolo di apertura del sito” si legge nella nota diffusa dal magazine, rivelando che la Ayane parlerà del talento in generale e di quello che lei, nelle vesti di giudice del programma, prova a cercare ogni settimana nei partecipanti a X Factor.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità