Maria Siponta, C’è posta per te/ Nome e il contenuto della busta di Maria De Filippi

- Silvana Palazzo

Maria Siponta a C’è posta per te: nome e significato, il contenuto della busta di Maria De Filippi per i destinatari degli inviti

maria siponta lorenzo cepostaperte 640x300
Lorenzo e Maria Siponta

Maria Siponta Ponza è la destinataria insieme al marito Lorenzo di una busta di C’è posta per te. A Manfredonia c’erano state molte voci in merito all’avvistamento nel novembre scorso della troupe del programma di Maria De Filippi, ma era stato mantenuto massimo riserbo in merito all’incursione. Oggi però Maria Siponta Ponza ha mostrato a Radio Manfredonia Centro e Stato Quotidiano la busta che C’è posta per te consegna solitamente ai destinatari. In effetti, c’è sempre stata grande curiosità in merito al contenuto della busta, quindi ora sappiamo cosa c’è all’interno. È scritto, infatti, “invito personale per sig.ra Maria Siponta”, con il nome scritto a mano, poi “a C’è posta per te Canale 5 Studio 4”, con l’indirizzo appunto dello studio di Mediaset.

MARIA SIPONTA, IL “MISTERO” SUL NOME

Un piccolo mistero è stato svelato, mentre ora la curiosità riguarda il nome particolare della donna, apparso inusuale alla maggior parte dei telespettatori che si stanno anche interrogando sui social. Siponta è infatti un nome di persona strettamente legato al territorio di Manfredonia, in provincia di Foggia, in alternativa si usa Sipontina, che è ancor più specifico. Deriva da Siponto, che deriva dal latino Sipontum, è una località, un quartiere della città di Manfredonia, che dista circa 2 chilometri dal centro storico di Manfredonia e oggi risulta inglobata nell’area urbana della città. Siponto divenne poi Manfredonia. Il dibattito sui social prosegue: «Maria Siponta si chiama così per madonna di Siponto è la madonna di Manfredonia si chiama mezzo paese così», scrive ad esempio un utente in merito al nome. All’inizio, infatti, non tutti avevano capito che fosse Maria Siponta, ma addirittura avevano capito Maria Sepolta, che è così finito in trend su Twitter.



© RIPRODUZIONE RISERVATA