Medico pubblica lastre polmoni vaccinati e non/ Foto, “Prova che il siero funziona”

- Davide Giancristofaro Alberti

Un medico Usa, tale Faheem Young, ha pubblicato le foto delle lastre di due polmoni differenti, una di un paziente vaccinato e una di un non vaccinato

vaccini twitter 1 640x300
Lastre polmoni vaccinate e non (Foto Twitter)

Per dimostrare l’efficacia del vaccino contro il covid, il dottor Faheem Younus ha pubblicato sui social, confrontandole fra loro, le lastre di due polmoni: la prima dopo la somministrazione del siero, la seconda senza. Quanto emerso dopo le radiografiche pubblicate via Twitter da parte dello specialista in malattie infettive a Bel Air, nel Maryland, camice bianco affiliato ad alcuni ospedali della zona, tra cui l’ Università del Maryland Upper Chesapeake Medical Center e l’Harford Memorial Hospital dell’Università del Maryland, è la prova che i vaccini anti covid funzionano, e non poco.

In una prima lastra si vedono i due polmoni di una persona che era stata contagiata ma che era stata vaccinata; nella seconda, invece, quelli di un altro individuo che aveva scelta la strada No Vax. La differenza è che nell’immagine di quest’ultimo si notano numerose opacità ai due organi, che rappresentano delle lesioni polmonari (e ciò che può causare difficoltà di respirazione e infiammazione), chiaro indizio di come, senza il farmaco specializzato, i polmoni ne abbiano risentito in maniera importante a causa dell’infezione da covid.

LASTRE DI POLMONI, LA PROVA CHE I VACCINI FUNZIONANO: MA ANCHE NEGLI USA IL COVID HA RIPRESO QUOTA…

Negli Stati Uniti sono passati ormai sette mesi, come nel resto del mondo, da quando è iniziata la campagna anti vaccinale, e fino ad oggi sono stati sottoposti tre diversi vaccini, leggasi Pfizer, Moderna e Johnson & Johnson. Quest’ultimo è stato poi sospeso per alcuni casi di trombosi riscontrati in varie persone, di conseguenza la somministrazione oltre oceano si basa solo sui due sieri a mRna.

Anche negli Usa, però, è arrivata la variante Delta e di conseguenza i casi sono aumentati nelle ultime due settimane: «Oltre l’80% dei nuovi casi di coronavirus appartengono al nuovo ceppo del coronavirus», sono le parole del virologo Anthony Fauci, così come ricordato da il quotidiano Il Messaggero. Nelle ultime ore i morti sono stati 239, il 48% in più rispetto ad una settimana fa.



© RIPRODUZIONE RISERVATA