Michele Merlo, Riki “Potevo fare di più”/ Riccardo Marcuzzo, rimpianto dopo la morte

- Emanuela Longo

Michele Merlo, torna a parlare Riccardo Marcuzzo, in arte Riki: il cantante svela il suo più grande rimpianto. “Potevo fare di più…”

michele merlo instagram 640x300
Michele Merlo, Instagram

La morte prematura di Michele Merlo continua ancora ad essere al centro dei pensieri di molte persone, compresi alcuni suoi colleghi. L’ultimo a parlarne pubblicamente via social è stato il giovane cantante Riccardo Marcuzzo, in arte Riki, che con Mike Bird ha condiviso l’esperienza nella Scuola televisiva di Amici di Maria De Filippi. Attraverso le sue Instagram Stories, Marcuzzo ha risposto ad alcune domande dei follower compresa una in cui gli veniva chiesto se sentisse la mancanza di Michele, ucciso da una leucemia fulminante a soli 28 anni. La replica di Riccardo non si è fatta attendere ed ha svelato tutta la sua amarezza.

Nella sua risposta Riki ha sorvolato sulla mancanza, chiaramente enorme, di Michele Merlo e si è concentrato su un episodio particolare: “Non ho rimpianti nella mia vita se non quello di non essere andato a trovarlo quando mi ha scritto “vediamoci” (ero a Vicenza per un instore)”, ha scritto. “Ci penso. Penso che pure io potevo fare di più. Entrambi lo potevamo fare”, ha proseguito.

MICHELE MERLO, RICCARDO MARCUZZO TORNA A PARLARE DI LUI

Dalle parole di Riccardo Marcuzzo riferite a Michele Merlo è emersa tutta la consapevolezza del tempo perso, forse a causa di attriti che si sarebbero potuti superare molto prima o di appuntamenti rimandati ad un domani spesso incerto. I due cantanti si conobbero proprio ad Amici, nell’edizione numero 16 del 2017. Riki si classificò secondo, alle spalle del ballerino Andreas Muller che conquistò l’edizione, mentre il cantante Michele Merlo fu eliminato nel corso della semifinale. Tra i due c’era stato qualche conflitto anche se alla base vi era un legame unico e molto forte. Anche per questa ragione la notizia della morte del 28enne a causa di una emorragia cerebrale provocata da una leucemia fulminane improvvisa aveva stravolto Marcuzzo che si era limitato a commentare: “Amici o rivali abbiamo condiviso un anno incredibile assieme. Sono parcheggiato in doppia fila come un idiota a piangere. Ciao amico mio”. Nelle passate ore, tutto il ripianto per ciò che avrebbero potuto ancora fare e dire è venuto a galla nuovamente, e forse per il giovane artista sarà difficile da scacciare.



© RIPRODUZIONE RISERVATA