“Mitiche stelle” a Napoli/ Baia di Ieranto, 30-31 agosto: astronomia nelle serate Fai

- Raffaele Graziano Flore

“Mitiche stelle” a Napoli: nel suggestivo scenario della Baia di Ieranto, il 30 e 31 agosto vanno in scena le serate del Fai dedicate all’astronomia e alla riscoperta del paesaggio

Baia di Ieranto
Baia di Ieranto (Facebook, 2019)

Una serata, anzi due, di fine estate per ammirare le stelle da un luogo di osservazione privilegiato e in uno scenario molto suggestivo da un punto di vista paesaggistico nei pressi di Napoli, diventando tutti “astronomi per una notte”: è infatti proprio questo il claim dell’iniziativa in programma questo venerdì 30 e sabato 31 agosto presso la Baia di Ieranto, in un’area naturale che si trova all’interno di una insenatura del Golfo di Salerno e nei pressi del Comune di Massa Lubrense. “Mitiche stelle”, questo il nome dell’evento che fa parte di un calendario di iniziative promosse per questa estate dal FAI (Fondo per l’Ambiente Italiano) e che non solo porterà a i partecipanti a stare col naso all’insù alla scoperta dei misteri della volta celeste e dei miti ad essa legati ma ha in programma anche un tour guidato per far conoscere la stessa Baia di Ieranto e pure la Torre vicereale di Montalto che svetta nei dintorni. Andiamo a scoprire in cosa consiste l’iniziativa “Mitiche stelle, astronomi per una notte” e come si inserisce nel cartellone di appuntamenti del Fondo per l’Ambiente Italiano.

“MITICHE STELLE”, ASTRONOMI PER UNA NOTTE

L’evento “Mitiche stelle” che si terrà per due serate consecutive nella Baia di Ieranto rientra infatti tra gli appuntamenti delle “Sere FAI d’estate” e che consente a tutti di diventare astronomi per una notte e che non solo nella notte di San Lorenzo ma pure in altre occasioni organizza incontri, laboratori per adulti e ragazzi grazie alla partecipazione e alla guida di esperti del settore: basti pensare che di recente come i Beni tutelati dal Fondo per l’Ambiente Italiano diventati osservatorio privilegiato delle stelle sono stati il Monastero di Torba per le giornate di Olona (Varese), poi lo star-trekking a Spezzano della Sila (Cosenza) e il Castello e Parco Masino a Caravino (Torino). Non è infatti un caso che il claim dell’evento è “Scopri i Beni FAI sotto un’altra luce”, giocando sul fatto che la valorizzazione dei suddetti luoghi è stata pensata per un momento speciale della giornata, ovvero dopo il calare del sole con unicamente la volta celeste a illuminarli. A tal proposito a guidare i partecipanti alla scoperta dei segreti del cosmo ma pure della storia della Baia e della Torre di Montalto ci sarà l’astrofilo Piter Cardone.

L’EVENTO FAI PRESSO LA SUGGESTIVA BAIA DI IERANTO

Ma come si struttureranno le serate del 30 e 31 agosto organizzate dal FAI e che andranno in scena dalle ore 17 alle 23 nella Baia di Ieranto che un tempo si riteneva essere il luogo dove Ulisse incontrò le mitologiche sirene? Innanzitutto è possibile avere maggiori informazioni consultando non solo il sito ufficiale del Fondo nella sezione “Serate FAI d’estate” ma anche su Facebook in una pagina appositamente dedicata all’evento. Ad ogni modo il punto di ritrovo per i partecipanti alla visita guidata è stabilito nella piazzetta di Nerano e avrà come tappe la già citata cinquecentesca Torre di Montalto e poi l’area dell’ex cava Italsider (va ricordato che l’ex Ilva donò l’inter comprensorio al FAI nel 1986) per un momento dedicato all’archeologia industriale, prima di cominciare ad approfondire le tematiche legate all’astronomia e di tutta quella mitologia legata a questa, senza dimenticare le storie legate a questa disciplina con tutta quell’aneddotica che rappresenta il “sale” di ogni scienza (basti pensare alla passione dell’imperatore Tiberio che usava guardare il cielo notturno nella sua villa sull’isola di Capri). In seguito, col favore delle tenebre, si passerà ad osservare le stelle e le costellazioni visibili in questo periodo dell’anno. Va ricordato infine che il costo di partecipazione è di 15 euro (ridotto a 8 per euro per la fascia 4-18 anni e gratuito per gli under 4, mentre per gli iscritti FAI e i residenti della zona è di 10 euro), che è obbligatoria la prenotazione nei giorni antecedenti le visite.

© RIPRODUZIONE RISERVATA