BILL LAURANCE/ Il pianista degli Snarky Puppy va da solo: il concerto di Brighton (UK)

- Luigi Viva

Bill Laurance, pianista londinese, noto per essere uno dei pilastri degli Snarky Puppy, si è posto all’attenzione degli appassionati per la sua produzione solista. LUIGI VIVA

Bill-Laurance-snarky_R720
Bill Laurance, foto di Rose Freedman

Bill Laurance, pianista londinese, noto per essere uno dei pilastri degli Snarky Puppy, negli ultimi tre anni si è posto all’attenzione degli appassionati per la sua produzione solista (FLINT, SWIFT, AFTERSUN) culminata nello splendido recente album LIVE AT UNION CHAPEL. Musica vicina al jazz modale ed al crossover, nella quale vengono mediate le influenze della musica classica mitteleuropea, la musica minimale e l’elettronica. Laurance è riuscito a creare un suo particolare stile in cui il gran senso della melodia, la felice vena compositiva, unita ad un notevole tocco al piano sono i  principali segni distintivi .

Gran concerto, quello che lo ha visto protagonista al The Old Market di Brighton, accompagnato dalla sua band (Joshua Blackmore – batteria, Chris Hyson – basso acustico, elettrico e moog e Felix Higginbottom – percussioni e tastiere).

Club stracolmo e concerto attesissimo in città, dove vive parte della sua famiglia . Contorniato dalle sue tastiere Laurance ha provveduto personalmente alla programmazione dei suoni, riuscendo a ricreare con maestria le atmosfere dei suoi album con particolare riguardo all’ultimo cd in studio AFTERSUN, fortemente ritmico e meglio riproducibile in club. A tal proposito va sottolineato il contributo del giovane e talentuoso percussionista Felix Higginbottom in crescita esponenziale e da tempo suo alter ego. Higginbottom, oltre a suonare alcune parti di tastiere.ha dispiegato tutto il suo armamentario percussivo, incluse delle sonagliere alle caviglie.

Laurance durante la presentazione dei brani ha messo in mostra un buon sense of humor scherzando anche sulle difficoltà nell’utilizzo dal vivo di nuovi strumenti come la Roli Seabord. Trattandosi di un tour destinato a club e piccoli teatri il sound non ha potuto beneficiare, almeno per questa data, della presenza del piano acustico.

In scaletta Madeleine, dedicato alla moglie, Time To Run, Swag Times, Aftersun, Swift, Red Sand, Chia, Smokers Castle, Neverending City. Il tour iniziato il 28 febbraio in Gran Bretagna (otto date) proseguirà in Europa toccando Olanda, Danimarca, Norvegia, Svezia, Svizzera, Germania, Romania, Slovacchia e Repubblica Ceca per un totale di ventinove concerti che culmineranno nelle esibizioni al prestigioso Ronnie’s Scott di  Londra il 29, 30 e 31 marzo. Durante la fase inglese Laurance e la sua band hanno suonato a Manchester con l’Orchestra del Royal College of Music ( cinquanta elementi) a conferma del rispetto che la comunità musicale oramai gli riconosce. Peccato che questo tour non tocchi anche l’Italia; Laurance ci ha anticipato di una sua prossima esibizione di piano solo a Milano oltre al tour con gli Snarky Puppy, freschi vincitori di Grammy Award, con concerti previsti a  Torino (21 aprile), Trento (22), Pisa (23) Bologna (24) . 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori