MUSICA E COVID/ Il Met annulla la stagione, musicisti senza contratto

- Giuseppe Pennisi

La Metropolitan Opera di New York, dopo aver annunciato a giugno la ripresa dell’attività nel nuovo anno, comunica la cancellazione dell’intera stagione

Metropolitan Opera 640x300
Il Metropolitan Opera di New York

La musica dal vivo è gravemente colpita in tutto il mondo dalla pandemia. Il Metropolitan Opera, ad esempio, ha annunciato la cancellazione dell’intera stagione 2020-21 a causa della crisi di Covid. Allo stesso tempo, la compagnia ha anche presentato i suoi piani per la sua stagione 2021-22, che si aprirà con la prima del Met di Fire Shut Up in My Bones di Terence Blanchard, la prima opera di un compositore afroamericano ad essere eseguita al Met.

Il Met ha preso la sua dolorosa decisione di annullare quel che restava della stagione 2020-21 sulla base dei consigli degli esperti sanitari del Lincoln Center. A causa delle molte centinaia di artisti che sono tenuti a fare prove senza il necessario distanziamento ed ad esibirsi da vicino e a causa del vasto pubblico che ha annullato prenotazioni, è stato deciso che non sarebbe stato sicuro per il Met riprendere a funzionare fino a quando un vaccino non sarà ampiamente in uso. Gli esperti del Lincoln Center hanno detto che ciò richiederà probabilmente almeno cinque o sei mesi dopo che un vaccino sarà stato reso inizialmente disponibile.

“L’impossibilità di andare in scena è un enorme danno alla compagnia,” ha detto il direttore generale del Met, Peter Gelb. “Il nostro futuro si basa sul fare miglioramenti artistici, riducendo collettivamente i nostri costi fino a quando il pubblico non sarà completamente tornato” ha continuato, citando sondaggi che indicano che ci vorrà tempo prima che il botteghino del Met ritorni ai livelli pre-pandemici. “Ma abbiamo fiducia che tutti coloro che lavorano per il nostro teatro ed il pubblico capiranno perché e come deve essere gestito il nostro ritorno alla normalità. Nel frattempo, continueremo con tutte le nostre iniziative sui media digitali, che hanno mantenuto il Met connesso con il nostro pubblico per tutta la chiusura.” I musicisti (coro e orchestra) e quasi tutto il personale sono stati posti in furlough (sospensione di contratto senza retribuzione – negli Stati Uniti non esistono istituti come la cassa integrazione).

Parimente grave la situazione nel Regno Unito. Un sondaggio del sindacato dei musicisti ha rivelato che il 34% dei musicisti britannici sta considerando di lasciare il settore a causa delle difficoltà di lavoro e conseguenti problemi finanziari.  Dall’indagine è emerso inoltre che quasi la metà dei membri del sindacato ha dovuto cercare lavoro al di fuori del settore, che sette musicisti su dieci che non sono in grado di svolgere più di un quarto del loro lavoro abituale. L’87% dei musicisti guadagnerà meno di 20.000 dollari quest’anno, ben al di sotto del reddito medio del Regno Unito di 29.600 dollari.

Con la fine dei programmi di sospensione dei contratti, molti si trovano ora ad affrontare serie difficoltà finanziarie e crescenti incertezze. L’88% degli intervistati ha dichiarato che il Governo non ha fatto abbastanza per sostenere i musicisti. Horace Trubridge, segretario generale del sindacato, ha descritto le cifre come “devastanti”. “In tempi migliori,” ha continuato, “i nostri iscritti guidano un’industria musicale da 5 miliardi di dollari con il loro talento… Apprezziamo tutto ciò che il Governo ha fatto attraverso i programmi di sostegno al reddito da lavoro dipendente ed autonomo, ma non deve abbandonare i musicisti adesso. Con le misure di distanziamento sociale ancora in vigore, teatri e sale da concerto possono vendere solo circa il 30% della capacità abituale.”  Per questo motivo, il sindacato chiede l’attuazione di un differente sistema di distanziamento che potrà portare le entrate potenziali al 60% della loro capacità, fornendo “un’ancora di salvezza ai musicisti e al settore in generale”.

 

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA