Napoli Calcio vs Cartabianca/ “De Laurentiis è un bugiardo”: avvocati al lavoro

- Mirko Bompiani

Napoli Calcio furibondo con il programma Cartabianca: gli azzurri si sentono “diffamati” dalle dichiarazioni di Bianca Berlinguer e Mauro Corona, ecco cos’è successo

napoli calcio cartabianca
Napoli, il presidente Aurelio De Laurentiis (LaPresse, 2019)

Napoli Calcio contro Cartabianca, possibili azioni legali. Ma cos’è successo? Il club azzurro non ha accolto di buon grado il giudizio di Bianca Berlinguer e di Mauro Corona sulla positività al coronavirus del presidente Aurelio De Laurentiis. Come ricostruito da Il Napolista, il patron è stato chiamato in causa due volte dalla conduttrice dal talk in onda su Rai 3: prima con lo scrittore, poi durante l’intervista al ministro Lucia Azzolina. In particolare, non sono state gradite le dichiarazioni della Berlinguer quando ha affermato che ADL si sarebbe presentato all’Assemblea di Lega – definita “festa” della Lega – con la febbre alta. In realtà, come ricostruito anche dal presidente della Lega Dal Pino, De Laurentiis sarebbe partito solo con il mal di pancia e la sua temperatura corporea sarebbe stata misurata a Capodichino, Malpensa ed infine all’hotel Hilton.

NAPOLI CALCIO VS CARTABIANCA: “AVVOCATI AL LAVORO”

Ma non è tutto sullo scontro tra il Napoli Calcio e Cartabianca. Non sono piaciute neanche le successive dichiarazioni dello scrittore Mauro Corona: «Ma che male hanno fatto ‘ste ostriche? Almeno trovate una bugia più barzellettesca: polenta e luganega o polenta e frico, come usano in Friuli. No, sapeva benissimo cosa aveva e mi dispiace molto. Non sapevo… non si sa mai, è un azzardo che, augurandogli ovviamente che guarisca come ho augurato a Berlusconi, per carità, però sapeva. Io sono un povero diavolo ma se sento la febbre non vado al bar, dico che ho la febbre e sto chiuso qui anche se la febbre può essere indotta da grandi bevute. Non si fa così. L’Italia è un paese molto estetico, ma manca l’etica e se non c’è quella è inutile avere l’estetica». Altissima tensione, dunque, tra la società campana ed il programma in onda ogni martedì su Rai 3: Il Napolista spiega che la dirigenza partenopea avrebbe provato a contattare il programma. E c’è di più: sentitosi diffamato, il Napoli Calcio ha attivato i suoi avvocati…

© RIPRODUZIONE RISERVATA