NARRASTORIE/ Cristicchi e l’isola di parole per trovare le giuste domande

- Walter Muto

Dal 19 al 25 agosto torna ad Arcidosso, in provincia di Grosseto, per la sua quarta edizione, il Festival del racconto di strada

NARRASTORIE marco nicolai CS1280
Foto di Marco Nicolai

Torna ad Arcidosso, in provincia di Grosseto, per la sua quarta edizione, il Festival del racconto di strada, viaggio intorno alla parola e alle sue forme, riflessione intorno alla spiritualità e alla felicità, ideato e fortemente voluto dal cantautore (e non solo) Simone Cristicchi.

Oltre che per la lunga attività cantautorale, Cristicchi è noto anche per una serie di spettacoli teatrali, la pubblicazione di diversi libri e una particolare attenzione, specialmente negli ultimi anni, ad alcuni temi sociali, quali la disabilità psichica, e ai temi della spiritualità, o meglio dell’equilibrio fra spirito e materia, come lui ama dire.

Narrastorie si svolge dal 19 al 25 agosto e presenta un fitto e ricco menu di eventi, a partire dai laboratori per bambini, che si svolgono al pomeriggio, e includendo incontri, pièce teatrali, dialoghi e concerti. Recita così, sinteticamente, la presentazione di questa rassegna estiva: “un luogo di accoglienza per un’umanità in cammino, che non cerca risposte facili, ma domande giuste: un’isola di parole e racconti dove poter pensare, emozionarsi, cambiare prospettiva”.
Un programma ambizioso che, spiega il direttore artistico nella conferenza stampa – tenutasi al Palazzo della Regione a Firenze il 6 agosto scorso – si inserisce in un percorso alla ricerca della felicità, che ha avuto per Cristicchi come tappe la canzone presentata allo scorso Festival di SanremoAbbi cura di me – e la realizzazione di un documentario di prossima uscita dal titolo Happynext, dedicato proprio a domande sulla ricerca di una chiave per avvicinarsi all’essere felici.

L’incontro di apertura del Festival sarà affidato, lunedì 19 agosto alle 18.00, a un incontro con Don Luigi Verdi, della fraternità di Romena dal titolo Torniamo umani. La stessa sera, in un misto fra dialogo e recital, Cristicchi incontrerà niente meno che Mogol, parlando delle canzoni scritte dal grande paroliere ed eseguendone alcune accompagnato dal violoncello di Giuseppe Tortora e dal pianoforte di Riccardo Ciaramellari. Da qui in avanti si alterneranno molti altri appuntamenti: il teatro di Valentina Lodovini, la cultura Yiddish di Moni Ovadia, i calembour poetico-musicali di Andrea Rivera, la spiritualità prorompente di Guidalberto Bormolini, fino alla serata di sabato 24 con il concerto voce e pianoforte di Arisa.

Naturalmente gli incontri saranno molti di più, includendo anche laboratori e spettacoli teatrali per bambini ed altre forme di incontro e dialogo. Maggiori informazioni ed il programma completo della manifestazione sono reperibili sul sito del Comune di Arcidosso a cui bisogna riconoscere il merito di volere fortemente questa interessante serie di appuntamenti culturali di fine estate. Infatti, il Comune sostiene l’organizzazione degli eventi insieme alla Pro Loco e al Centro Commerciale Naturale, sempre di Arcidosso, con l’organizzazione generale di Cristina Piedimonte. Una serie di eventi che potrebbe essere interessante incrociare, una serie di domande da cui farsi interrogare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA