Negozio Milano “Vietato ingresso a persone vaccinate di recente”/ E’ polemica sul web

- Davide Giancristofaro Alberti

Milano, negoziante vieta ingresso a persone vaccinate di recente, con tanto di foto di Burioni e pareri sui dubbi del farmaco: è polemica

coronavirus covid vaccino 1 lapresse1280 640x300
LaPresse

Ha fatto il giro del web la notizia con protagonista un negozio di elettronica di Milano, che ha vietato l’ingresso alle persone vaccinate di recente contro il covid. Come riportato dai colleghi di Fanpage, sulla porta d’ingresso è stato apposto un avviso con scritto: “Vietato l’ingresso alle persone vaccinate di recente”. Della questione se ne è accorta anche la pagina Facebook di “Bianco e Bruno”, e la testata specializzata in elettrodomestici ha parlato di “autogol clamoroso”

Si aggiunge che: “La foto gira in rete da qualche giorno. Riguarda un punto vendita di Milano del nostro settore. Non scendiamo nel merito della questione vaccino perché non è di nostra competenza, sebbene abbiamo le nostre idee. Ma esporre quel cartello fa correre rischi enormi quanto meno sotto il profilo dell’immagine. E probabilmente fa correre ben altri rischi. Siamo andati di persona e abbiamo verificato la presenza del cartello“.

MILANO, NEGOZIO VIETA INGRESSO AI VACCINATI: C’E’ CHI E’ FAVOREVOLE

Ma non finisce qui, perchè oltre alla scritta di cui sopra, è stato appeso alla porta un altro foglio con la foto del noto virologo e luminare Roberto Burioni, che ha sempre sostenuto la validità del vaccino, nonché altri dubbi di alcuni presunti esperti circa la capacità del vaccino di bloccare la trasmissibilità del virus. Chiaramente siamo di fronte ad un negoziante contrario al vaccino, un classico No Vax, che ha ovviamente tutto il diritto di fare ciò che vuole, ma utilizzare il negozio come propaganda contro il vaccino anti coronavirus non appare un’ottima mossa, soprattutto perchè rischia di creare confusione fra la popolazione. Ed in effetti il post dello stesso negoziante no vax è stato commentato anche da persone che si dicono favorevoli alla sua posizione, come ad esempio un utente che ha scritto “mi sembra una persona sensata il titolare di questo negozio. Leggete il bugiardino del vaccino, e non solo di questo, e vedrete che c’è scritto che le persone vaccinate devono stare in quarantena”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA