Nino D’Angelo: “Scudetto Napoli sarebbe regalo di Maradona”/ “Quando lo incontrai…”

- Chiara Ferrara

Nino D’Angelo sogna che il Napoli vinca lo scudetto: “Sarebbe un regalo dal cielo di Diego Armando Maradona”, ha detto

diego Maradona nino d'angelo
Diego Armando Maradona (Foto LaPresse)

Nino D’Angelo, fedele tifoso del Napoli, sogna che la sua squadra del cuore conquisti quest’anno lo scudetto: “Sarebbe un regalo di Diego Armando Maradona”, ha detto in un’intervista alla Gazzetta dello Sport.

Diego Armando Maradona avrà per sempre un posto speciale nel cuore di Nino D’Angelo. L’artista ha anche dedicato una canzone al Pibe de Oro, scomparso un anno fa. “Quando ho ricevuto la notizia non ci credevo. Mi sono seduto sul piano e ho suonato “Ho visto Maradona” molto lentamente fino a scoppiare a piangere. Ho postato un pensiero su Facebook e poi ho scritto “Campiò”, la canzone che chiude il mio ultimo album. Con Diego per me è morto il calcio, si è interrotto un sogno”, ha spiegato. Poi il ricordo del primo incontro. “Era appena arrivato. Il suo agente aveva letto su un muro: “A Napoli tre cose stann’ ‘e belle: Maradona, Nino D’Angelo e ‘e sfugliatelle”. S’infuriò. Pensava al solito napoletano che si faceva pubblicità. Gli spiegarono chi ero e il Napoli mi telefonò. “Diego vuole conoscerti”, mi disse. Da lì siamo diventati amici”.

Nino D’Angelo: “Scudetto Napoli sarebbe regalo di Maradona”. Il commento sulla squadra

Il Napoli, secondo il cantante e tifoso Nino D’Angelo, può conquistare lo scudetto, che sarebbe “un regalo di Diego Armando Maradona. Le sensazioni sono positive e la classifica parla da sé. “La squadra è maturata e Lozano in qualsiasi altro club sarebbe titolare: abbiamo ottime alternative”. Attenzione, però, alle contendenti. “L’Inter è l’avversaria più temibile, anche se si è indebolita. E il Milan ha un gioco che mi fa paura. La Juventus è un passo indietro”, ha sottolineato alla Gazzetta dello Sport.

Nino D’Angelo, da parte sua, pensa già alle celebrazioni. “Canterebbero tutti i cantanti napoletani al San Paolo. Ho i brividi solo al pensiero”, ha ammesso. Un sogno simile lo ha già vissuto per i suoi sessant’anni, quando ha organizzato una festa proprio allo Stadio. “Cantavo e mi scorreva tutta la vita davanti”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA