Pamela Petrarolo “Critiche vergognose sul mio corpo dopo L’Isola”/ “Ho una diastasi addominale”

- Anna Montesano

Pamela Petrarolo: “Critiche vergognose sul mio corpo dopo L’Isola dei Famosi”: l’ex naufraga tuona e racconta il suo problema fisico

pamela petrarolo min 640x300
Screenshot da video

Pamela Petrarolo: “Body shaming dopo l’Isola dei Famosi”

Pamela Petrarolo è stata una delle rivelazioni dell’ultima edizione dell’Isola dei Famosi. Nonostante il suo percorso in Honduras sia iniziato più tardi rispetto agli altri, l’ex ragazza di Non è la Rai è comunque riuscita a conquistare il favore del pubblico, vincendo una lunga serie di televoti e arrivando quasi alla finale. Una volta tornata in Italia, Pamela ha però dovuto far fronte a vergognose critiche ricevute sul web per il suo corpo.

Critiche di cui Pamela ha parlato nel corso di un’intervista rilasciata a Comingsoon.it, rivelando che la cosa che più le ha fatto male è che queste fossero arrivate soprattutto da donne. “Ormai bisogna apparire sempre al top perché se sei una donna normale con un po’ di pancetta ti dicono che fai schifo.” ha tuonato la Petrarolo.

Pamela Petrarolo: “ho una diastasi addominale”

Pamela Petrarolo, furiosa per il body shaming subito sui social, ha spiegato di avere un problema: “Non provano neanche ad immaginare cosa possa esserci dietro quella pancetta che a tanti ha dato fastidio. Pensate un po’ io da due anni ho una diastasi addominale di 4/5 cm e un’ernia ombelicale abbastanza esposta che oggettivamente si comincia a vedere per questo devo cominciare a pensare di levarla. Ma sapete? Ho partorito la mia terza figlia 18 mesi fa e scusate se non ho avuto tempo di pensare alla mia salute.”

L’ex naufraga si dice molto dispiaciuta di aver letto articoli in cui veniva definita “l’unica naufraga che invece di dimagrire ingrassa”, e che questo “Mi ha fatto riflettere molto […] ho pensato ma se quello che ho letto su di me lo facessero a mia figlia? Una ragazza di 19 anni che probabilmente non sarebbe in grado di difendersi, oppure a chiunque altro capitasse a bersaglio di questi conigli da tastiera? Vi rendete conto quanto rischio potrebbe esserci davanti a chi non riuscirebbe a reagire ma soltanto a mortificarsi?”







© RIPRODUZIONE RISERVATA