Paola Barale: “Perché finì con Gianni Sperti”/ “Io drogata e lesbica? La mia verità”

- Dario D'Angelo

Paola Barale ospite a La Confessione si racconta a Peter Gomez: la conduttrice parla anche della presunta relazione lesbica con Maria De Filippi.

paola barale 2019 la confessione nove 640x300
Paola Barale ospite a La Confessione

Paola Barale, ospite di Peter Gomez a “La Confessione” su Nove, non si è sottratta alle domande del giornalista, anche quelle più pungenti e scottanti, alle quali in passato aveva sempre rifiutato di rispondere. La showgirl ha parlato ad esempio dei motivi che portarono alla fine del suo matrimonio con Gianni Sperti, ballerino e da anni opinionista di Uomini e Donne: “Lui voleva dei figli, io avevo altre priorità: il lavoro. Lui lavorava, ma non sempre. I bambini si fanno quando c’è stabilità. Era un uomo forte, ma durante la relazione era emotivamente distaccato“. A proposito di Uomini e Donne, rispetto alla sua conduttrice, Maria De Filippi, l’ospite de “La Confessione” ha smentito seccamente la leggenda metropolitana che la voleva implicata in una relazione lesbica insieme a lei: “All’inizio non capivo. Perché io non conosco molto bene la signora De Filippi, l’avrò vista sì e no, non vorrei sbagliarmi, dieci volte in tutta la mia vita in studio, cioè non è che siamo andati io Maurizio e Maria o io e solo Maria…forse sono andata più di una volta a pranzo con Maurizio durante la pause di lavoro ma non ci siamo mai frequentati […]. Col senno di poi, quando finì Buona Domenica mi sono fatta qualche idea, perché io credo che le leggende metropolitane anche se non sono vere comunque hanno sempre un fondo di verità […]. Secondo me io l’ho capito, non dipendeva molto da me ma dai comportamenti di altre persone che stavano intorno a me che facevano sì che la gente potesse pensare questo. Detto questo, punto“.

PAOLA BARALE: “DROGATA E LESBICA? ECCO LA VERITA'”

Paola Barale ha parlato anche di un episodio spiacevole che l’ha vista protagonista: il blitz dei carabinieri nella casa presa in affitto all‘Isola dell’Elba insieme ad alcuni amici nell’estate del 2001. In quell’abitazione venne rinvenuta della marijuana: “Io non amo parlare di questo aneddoto perché è costato sette anni di processo“, ha premesso la showgirl, che poi ha precisato: “I carabinieri non arrivano in casa“. Inoltre, ha chiarito la Barale, “io non sono stata accusata di marijuana, io sono stata accusata di crack, che non ho mai visto in vita mia, eroina, che non ho mai visto in vita mia“. Da quell’episodio si originò poi un’altra storia: “Siccome dormivo con una mia amica, tra l’altro mia testimone di nozze, sono stata accusata sui giornali di essere lesbica e di fare dei giochi erotici con tanto di oggetti di piacere nel letto“. Paola Barale, che dice di aver “fatto causa per tutte le cose che non erano vere“, è convinta che “questa cosa è stata messa su a tavolino da qualcuno, perché non è possibile“.

PAOLA BARALE: “PERCHE’ LASCIAI ‘BUONA DOMENICA'”

Rispetto allo scandalo scoppiato all’epoca, Peter Gomez ha domandato a Paola Barale: “Secondo lei è un caso che sia avvenuto nell’estate del 2001 quando finiva la sua carriera televisiva e lei sarebbe dovuta rientrare?“. Questa la risposta della conduttrice: “Io mi sono fatta delle domande, però siccome nessuno mi ha dato delle risposte certe, io cerco di andare avanti, ma è stata una cosa molto, molto spiacevole“. La Barale ha ripercorso anche le tappe più importanti della sua carriera, dall’esperienza da valletta di Mike Bongiorno a quella alla guida di Buona Domenica su Canale 5 con Costanzo: “Maurizio l’ho conosciuto perché dopo La Sai l’Ultima con Gerry Scotti mi proposero di fare Buona Domenica insieme a Fiorello e Claudio Lippi. […] Secondo me ho fatto una bella Buona Domenica, quando la Buona Domenica era ancora intrattenimento, c’era ancora una bella tv, i contenitori non erano solo per gente che non ha voglia di nulla, ma si invitavano grandi personaggi […]. La televisione è molto cambiata, arrivò il Grande Fratello e quindi dai grandi ospiti si invitavano quelli che uscivano dal Grande Fratello. Il primo anno lo guardavo pure io perché è stato sicuramente un fenomeno sociale che ha cambiato l’era della televisione. Però noi non provavamo più, non cantavamo più, non ballavamo più, non arrivavano i grandi ospiti e infatti poi decisi di mollare, mio malgrado per questo“.



© RIPRODUZIONE RISERVATA