Paolo Belli piange per Morricone/ “La mia carriera era finita, rispetto a lui…”

- Stella Dibenedetto

Paolo Belli piange a Io e Te ringraziando Ennio Morricone e ricordando la sua carriera e il momento in cui la televisione ha cambiato tutto.

paolo belli min
Paolo Belli

Paolo Belli, musicista e da anni compagno di Milly Carlucci a Ballando con le stelle, si racconta nel faccia a faccia della prima puntata della nuova settimana di Io e Te. Ai microfoni di Pierluigi Diaco, si racconta a 360 gradi toccando anche gli aspetti più intimi della sua vita privata. Commosso, Paolo Belli porge le sue condoglianze alla famiglia Morricone. “A nome mio e a nome dei miei musicisti vorrei dire al maestro grazie perchè le cose che ha scritto e composto rimarranno per sempre. Io sono un piccolo granello di sabbia rispetto a quello che è stato lui” – afferma. “Sono felice di essere qui oggi per dirgli grazie in questo momento storico per l’arte che è stata la cosa che hanno chiesto tutti durante il terribile periodo che abbiamo vissuto. Gli artisti sono invisibili e questo signore fa, invece, fa capire a tutti che l’arte è fondamentale perchè ci ha regalato delle cose meravigliose”, aggiunge.

PAOLO BELLI E LA TELEVISIONE: “FACCIO QUELLO CHE SOGNAVO DA BAMBINO”

Dopo l’omaggio ad Ennio Morricone, Pierluigi Diaco dà il via al faccia a faccia con Paolo Belli.Ricordo quando la televisione cominciò a corteggiarti e ricordo quando Bibi Ballandi ti fece la proposta, però, ricordo anche la puzza sotto il naso, la diffidenza di molti tuoi colleghi che quando ti hanno visto in televisione, hanno cominciato a dire ‘ti sei venduto alla tv’. Ora quella diffidenza è venuta meno, ma a che prezzo?”, chiede il conduttore di Io e Te. “Io da bambino sognavo di fare lo show del sabato sera. Poi la vita mi ha regalato altre cose meravigliose e quando mi dicevano che, da cantante, non avrei dovuto fare televisione, ho detto no e quindi meno male che c’è stato Ballando con le stelle, Torno sabato” – replica Belli che poi ricorda esattamente in cui la televisione gli ha cambiato la vita. “La mia carriera era praticamente finita in quel momento. Poi ho capito che le cose mi venivano meglio in gruppo e quindi ho creato questa big band. Ho fatto uno spettacolo e c’erano Carlo Conti e Giorgio Panariello, dopo, è venuto in camerino e mi ha proposto di accompagnarlo nel suo show“, confessa e da lì il resto è storia. Paolo Belli, con la sua Big Band, conquista tutti al punto che, nel rivedere la sua carriera su Raiuno non trattiene le lacrime.

© RIPRODUZIONE RISERVATA