Pioli resta al Milan?/ Calciomercato: i giocatori promuovono il tecnico e Rangnick…

- Michela Colombo

Pioli resta al Milan? Calciomercato: salgono le quotazioni del tecnico per la prossima stagione, grazie all’appoggio anche dei giocatori. Rangnick si allontana.

milan pioli
Stefano Pioli, allenatore del Milan (Foto LaPresse)

In vista della prossima stagione, tiene sempre banco in casa Milan la possibile partenza o meno di Stefano Pioli. Se infatti fino a poche settimane fa il destino del tecnico pareva già segnato visto il prossimo approdo di Ralf Rangnick in qualità di allenatore-manager, in realtà negli ultimi giorni le quotazioni dello stesso ex allenatore della Fiorentina sono enormemente salite. il tecnico gode certo della fiducia della dirigenza visti i risultati ottenuti. Approdato solo a ottobre, nonostante qualche incidente di percorso, Pioli ha presto mostrato sul campo l’efficacia della sua “cura”: molti giocatori sotto la sua direzione sono stati rivalutati e hanno trovato spazio e fiducia, e il suo staff si è distinto per professionalità e perizia nel gestire anche le situazioni più complesse. Insomma, Stefano Pioli si è rivelato finora un ottimo condottiero per il Milan e lo stesso allenatore ha ancor oggi la piena fiducia dello spogliatoio, di Ibrahimovic in primis. Anzi con lo svedese il tecnico avrebbe instaurato un rapporto di grande fiducia reciproca: elemento che in estate potrebbe pesare moltissimo.

PIOLI RESTA AL MILAN? IL NODO ECONOMICO

Per la prossima stagione dunque Pioli potrebbe davvero restare al Milan: il tecnico non ha perso posizioni nel rapporto con il club, cosa che invece ha subito in questi giorni Ralf Rangnick. Come è noto il dirigente tedesco era stato contratto da Gazidis in precedenza e fino a poche settimane fa il suo approdo pareva certo: gli ultimi avvenimenti, come l’esplodere dell’emergenza coronavirus e la conseguente crisi economica, hanno però notevolmente raffreddato la pista. Come ci riporta oggi anche la Gazzetta dello sport, nodo dolente nelle contrattazioni tra Milan e Rangnick è sempre stato il problema budget e in vista di una prossima stagione (di mercato come di campionati) in ristrettezze economiche, il club non se la sente di adeguarsi alle alte richieste del dirigenze del Lipsia. Meglio a questo punto adottare una via più prudente, fidandosi di chi, come Pioli, ha lavorato e continua a lavorare silenziosamente e con profitto, al successo del Milan.

© RIPRODUZIONE RISERVATA