Pitura Freska, chi sono?/ Il grande successo a Sanremo 1997 con “Papa nero”

- Emanuele Ambrosio

I Pitura Freska ospiti a Domenica In da Mara Venier. La band ha partecipato al Festival di Sanremo 1997 con il brano "Papa nero"

pitura freska 2020 youtube 640x300 Pitura Freska, foto Youtube

Pitura Freska da Sanremo 1997 a Domenica In

Pitura Freska tra gli ospiti della nuova puntata di Domenica In di Mara Venier su Rai1.  La band è balzata alla grande popolarità con la partecipazione al Festival di Sanremo del 1997 con il brano “Papa nero”. Parliamo del Festival condotto da Mike Bongiorno con Valeria Marini e Piero Chiambretti che vide trionfare i Jalisse con “Fiumi di parole” e lanciare nel panorama musicale italiano Nek con “Laura non c’è”. Non solo, è stato il Sanremo di Carmen Consoli e della sua “Confusa e felice”, di Silvia Salemi con la hit “A casa di Luca”, di Anna Oxa con “Storie” e dell’indimenticabile “E dimmi che non vuoi morire” di Patty Pravo.

Eppure quell’anno una band ha colpito l’attenzione del grande pubblico e della critica. Si tratta proprio dei Pitura Freska che conquistarono tutti con i avranno “Papa nero” in cui auspicavano una possibile elezione di un Papa di colore dopo la vittoria di Denny Mendez nel concorso di bellezza di Miss Italia.

Sir Oliver Skardy dei Pitura Freska: “non c’è voglia di preparare qualcosa di nuovo”

Dopo il grande successo del brano “Papa nero” a Sanremo 1997, i Pitura Freska sono rimasti insieme fino al 2002. Poi il gruppo musicale reggae italiano, fondato a Venezia, ha deciso di prendere strade diverse con il frontman Sir Oliver Skardy che si è dedicato ad una carriera solista. Considerato una vera e propria icona reggae della laguna veneziana, Sir Oliver Skardy è tornato sulle scene musicali con il brano “Rose e Petardi”. Un ritorno che ha raccontato così a repubblica.it: “tutto è partito 3 anni fa. Avevo voglia di tornare a scrivere. Gli spunti erano talmente tanti che mi uscivano letteralmente dalla penna. Poi i brani grezzi sono stati trattati da un produttore che ormai è il centro vitale del reggae italiano: Paolo Baldini (il bassista degli Africa Unite). È il musicista più esperto di reggae che abbia mai conosciuto. Ha arrangiato, mixato e prodotto lui. Sono davvero soddisfatto perché dopo 30 anni riesco finalmente a sentire nella mia musica quelle sonorità giamaicane che mi ha sempre ispirato”.

Su una possibile Reunion dei Pitura Freska, il cantante ha detto: “non te lo so dire. La voglia di suonare insieme quella sì, potrebbe anche esserci. La voglia di preparare qualcosa di nuovo non c’è”.





© RIPRODUZIONE RISERVATA

Ultime notizie di Programmi tv

Ultime notizie