PENSIONI/ Esodati, ricongiunzioni e contributi: in un libro le “istruzioni per l’uso”

- Giuliano Cazzola

Nell’ultimo anno sono state diversi i cambiamenti portati al sistema previdenziale dalla riforma delle pensioni e da altre norme, come ricorda GIULIANO CAZZOLA

Inps_LegnoR439
Infophoto

Angelo Raffaele Marmo, con il suo saggio “Le nuove pensioni” (Oscar Mondadori) in libreria da una decina di giorni, dimostra, una volta di più, che il tema della previdenza è sempre attuale e interessante, soprattutto quando si è in grado di spiegarne il groviglio delle norme e i contorcimenti delle riforme (ormai “di annata”), con uno stile limpido e un linguaggio chiaro. Del resto, Marmo, prima ancora di essere un dirigente generale del ministero del Lavoro (già portavoce del ministro Maurizio Sacconi), è stato un valente giornalista economico, esperto di lavoro e pensioni.

Il libro ci conduce nei meandri del nuovo sistema previdenziale spiegando le diverse situazioni in maniera precisa e documentata. Il saggio è una guida ricca di tabelle ed esemplificazioni concrete, indispensabile per gli operatori del settore e utilissimo per chiunque. Perché la riforma riguarda il futuro, o il presente, di tutti noi.

Capitolo dopo capitolo ci si avventura nel funzionamento del nuovo sistema previdenziale e nei suoi molteplici ingranaggi. I titoli dei diversi capitoli sono solo un’anticipazione della leggerezza della scrittura, ben lontana dallo stile burocratico delle Circolari ministeriali e di quelle dell’Inps, il gigante del nostro sistema pensionistico, che ormai ha incorporato, alla stregua di Saturno, tutti gli enti previdenziali, a eccezione dell’Inail, il fratello minore che è riuscito a sopravvivere.

Così, il primo capitolo è dedicato a “L’albero delle pensioni” e racconta, attraverso una veloce corsa, la storia di vent’anni di riforme: dalla riforma Amato a quella Dini-Treu, dalla Prodi alla Maroni, da quella realizzata da Sacconi e Tremonti a quella, ultima e rilevantissima, costruita dal ministro Elsa Fornero. Il secondo riguarda “Salvati, esodati (salvaguardati) e riformati” e si sofferma sulle più importanti categorie nelle quali, nella transizione, si possono ritrovare i lavoratori: in pratica, “I salvati”, “Gli esodati (salvaguardati)”, “I riformati con lo sconto”, “I riformati”. Il terzo capitolo – “La vecchiaia… allunga la vita” – descrive la nuova pensione di vecchiaia nelle sue diverse varianti e topologie, incluse le sue flessibilità. Il quarto – “Anticipata sì, ma senza anzianità” – passa in rassegna la nuova pensione anticipata, partendo dal presupposto “che non ci sono più le anzianità di una volta”.

Il quinto capitolo – “Usurati con lo sconto” – è sul pensionamento anticipato per i lavori usuranti: quando e come si può ottenere l’anticipo se si svolgono attività faticose o notturne. È questo l’unico caso in cui sono sopravvissute le cosiddette quote che erano l’intuizione della riforma Damiano. Nel sesto – “Invalidi, reversibili e con assegno sociale” – si delineano “le altre reti di protezione” con le loro caratteristiche e, dunque, le pensioni di invalidità, quelle di reversibilità, quelle supplementari e il cosiddetto assegno sociale. Con il settimo – “Separati… in cassa” – ci si addentra nel limbo delle pensioni per i parasubordinati e i lavoratori indipendenti: in sostanza, le regole e i percorsi della gestione separata dell’Inps.

L’ottavo capitolo – “Integrati, maggiorati e rivalutati” – è rivolto a illustrare gli “aiuti” e gli “aiutini” per le pensioni basse e, dunque, l’integrazione al minimo, le maggiorazioni sociali e la rivalutazione delle rendite. Il nono – “Come vi pagate la pensione” – è tutto incentrato sulla contribuzione e sulle sue diverse forme: “I contributi in euro sonanti”, “I contributi che non pagate”, i figurativi, “I contributi che pagate volontariamente”, “I contributi che potete riscattare”.

Il decimo capitolo – “Ricongiungere e totalizzare” – “parla” delle possibili vie per sommare i contributi, tanto più utili e sempre più necessarie in un tempo di crescente mobilità professionale: quanto e quando convengono ricongiunzione e totalizzazione. L’undicesimo – “Contributivo per tutti (o quasi)” – spiega i diversi metodi di calcolo delle rendite: dal retributivo, al misto al contributivo. E, dunque, di quanti “pezzi” può essere composta la rendita finale.

Il dodicesimo capitolo – “Chi e come può darvi una mano” – offre una mappa sui servizi on line o allo sportello di Inps, patronati e consulenti del lavoro: “L’Inps tutto on line”, “Patronati, gratis per voi”, “La rete del consulenti del lavoro”. Nell’ultimo capitolo – “La ruota della pensione di Mario Rossi e di sua moglie Giovanna” – sono definite, in base all’anno di nascita – dal 1946 al 1996 – e all’età di inizio del lavoro, tutte le possibilità di pensionamento da oggi al 2065 e oltre. Ciascuno potrà individuare la scheda che fa al caso suo e verificare quando e come potrà andare in pensione.

Recensendo il libro di Marmo ci è venuto in mente che sarebbe utile fare il punto sullo stato di salute dell’Inps, andando a visitare l’ultimo documento contabile recante le previsioni aggiornate (una sorta di bilancio di assestamento) per il 2012. Da alcuni anni a questa parte i conti dell’Inps sembrano essere divenuti un segreto di Stato. Un tempo, i bilanci venivano illustrati attraverso delle conferenze stampa. Adesso questa buona pratica è rimasta per i bilanci preventivi, che di solito sono sempre più rosei di quelli consuntivi. Anche in questi casi, però, carte se ne vedono ben poche. Tutti facciamo a fidarci di quanto viene descritto dal superpresidente Antonio Mastrapasqua nella solennità della Sala della Lupa a Montecitorio.

Tornando allora alle previsioni assestate possiamo notare che il risultato economico d’esercizio per l’anno in corso delle gestioni previdenziali è in rosso per poco meno di 9 miliardi. Il settore più in difficoltà è quello del lavoro autonomo (-5,3 miliardi i coltivatori, -5,5 miliardi gli artigiani, – 791 milioni i commercianti), seguito dalla gestione ex Inpdap (-5,7 miliardi). I saldi attivi più importanti sono quello del fondo pensioni lavoratori dipendenti (+1,2 miliardi) e quello della gestione parasubordinati (+8,3 miliardi).

Quest’ultima gestione (a cui sono iscritti i collaboratori e le partite Iva) è rimasta l’unica “gallina dalle uova d’oro” sopravvissuta. L’altra – la gestione delle prestazioni temporanee – è stata prosciugata dalla crisi economica. A questa gestione fanno capo le prestazioni a tutela della malattia e maternità, della famiglia e, soprattutto, gli ammortizzatori sociali ordinari (Cigo, disoccupazione, ecc.). Negli anni ha sempre presentato un saldo attivo dell’ordine di 6 miliardi (tanto che la sua situazione patrimoniale è attiva per un ammontare superiore a 181 miliardi), che però è stato eroso, fino a ridursi, nel 2012, a 420 milioni.

Ultimo aspetto meritevole di nota, l’Enpals (l’ente dei lavoratori dello spettacolo) si è presentato all’appuntamento con l’incorporazione nel SuperInps con patrimonio di 3,4 miliardi e un attivo d’esercizio di 325 milioni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori

Ultime notizie di Politica al lavoro