RENZO ARBORE/ Piange a Vieni da me per Gianni Boncompagni: “Ho perso un amico…”

- Silvana Palazzo

Renzo Arbore a Vieni da me scherza con Caterina Balivo, piange per la morte di Gianni Boncompagni e si racconta con la cassettiera

renzo arbore vieni da me
Renzo Arbore a Vieni da me
Pubblicità

Renzo Arbore rivede a “Vieni da me” le immagini di Milly Carlucci agli inizi della sua carriera e dice soddisfatto: «Hai fatto una carriera straordinaria, sono orgoglioso di te». Ma si commuove parlando dell’amico e collega Gianni Boncompagni: «Ho perso un amico. Ho parlato con le figlie, mi hanno detto che sarebbe stato entusiasta. E quindi ho fatto un programma per Gianni, con Gianni», dice riferendosi a “No, non è la BBC”. Poi aggiunge: «La sua pigrizia lo faceva aguzzare di ingegno». Invece su Roberto Benigni: «Un grande improvvisatore. Aveva fatto un film di Bertolucci, poi lo convocai e gli dissi di improvvisare». Nel giorno dell’Internet Day si lascia andare ad una riflessione: «Io sono un navigatore notturno. Dico ai miei coetanei di non avere paura di Internet, è una risorsa straordinaria. Anche per ammazzare la noia e la solitudine». Scorrono le immagini della sua carriera e prima si emoziona («La tv che ha fatto la Rai… la più bella del mondo. C’è un patrimonio straordinario»), poi scherza: «Ma che state a fare la commemorazione di Arbore? Spero non sia l’ultima». (agg. di Silvana Palazzo)

Pubblicità

RENZO ARBORE A VIENI DA ME: LA BATTUTA A CATERINA BALIVO

Renzo Arbore ospite di “Vieni da me” oggi. «Sei una delle mie presentatrici preferite. A pranzo poi mi viene più appetito», dice prima di raccontarsi con la cassettiera di Caterina Balivo. Ma anziché sedersi alla sinistra si sistema sulla sedia su cui tradizionalmente siede la conduttrice. «So che gli ospiti si siedono a sinistra, ma io sono abituato a stare seduto sulla destra». E così si parla dei suoi inizi, cominciando dalla sua passione per i blue jeans. «Quando li presi mio padre mi disse “Ma che sono questi pantaloni da elettricista?”». Renzo Arbore è stato comunque colui che introdusse le “ragazze parlanti”, come ad esempio Milly Carlucci. «È stata una delle prime ragazze parlanti della tv. Non c’erano le presentatrici: c’erano solo due signore in tv e le vallette che non parlavano. Invece io inventai le ragazze parlanti, che vennero definite così a mia insaputa». E proprio da Milly Carlucci riceve una sorpresa…

Pubblicità

RENZO ARBORE A VIENI DA ME: LA PASSIONE PER INTERNET

La conduttrice di Ballando con le Stelle ha mandato un videomessaggio a Renzo Arbore attraverso “Vieni da me”, cogliendo l’occasione per lanciargli una proposta. «Sei il mio pigmalione, l’ho detto e ridetto. Sei tu che mi ha scoperto e mi hai permesso di lavorare nel mondo dello spettacolo. Mi dispiace non sia stato possibile combinare qualcosa con Ballando con le Stelle, magari ci riproviamo quest’anno…». Lui che è stato il primo a lanciare la web tv, parla oggi di Internet che nasceva proprio 50 anni fa: «Ci sono tante persone che non lo usano perché hanno paura. Secondo me c’è lo zampino di Padre Pio, perché è una cosa miracolosa. Puoi conoscere lo scibile umano. Io sono un navigatore e ho una web tv dove faccio il video jockey». Per un motivo ben preciso risuona “Catarì”, che in realtà si chiama “Aumm, aumm”: in regia la ripropongono ogni volta che Caterina Balivo ne combina una delle sue.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità