Riccardo Cocciante/ “Questo è un momento storico difficile, vi spiego perché”

- Jacopo D'Antuono

Riccardo Cocciante preoccupato sul tema dell’accoglienza: “Questo è un momento storico difficile, molto più di quando anni fa…”

Riccardo Cocciante al pianoforte
Riccardo Cocciante al pianoforte

Riccardo Cocciante, il ritorno di Notre Dame de Paris è un successo senza precedenti

E’ un momento d’oro per Riccardo Cocciante, che si gode il fortunato ritorno in scena di “Notre Dame de Paris” il musical capolavoro che festeggia i suoi primi 20 anni di successo. Una tournée celebrativa che sta riscuotendo grandi consensi, con il ritorno del cast storico guidato da due attori iconici come Giò Di Tonno e Lola Ponce.

Proprio pochi giorni fa, in occasione dell’evento su Raiuno ‘Una voce per padre Pio’, Riccardo Cocciante ha lasciato il segno con un’apertura davvero spettacolare e unica nel suo genere, richiamando il celebre musical. Non a caso il musicista ha intonato ‘Clandestini’, brano profondo e intensissimo di Notre Dame de Paris. Un’esibizione eccezionale che gli è valsa applausi a scena aperta, insomma una vera e propria ovazione da parte di tutto il pubblico presente all’evento.

Riccardo Cocciante: “Stiamo vivendo un momento difficile”

Riccardo Cocciante, alla serata evento Una Voce per Padre Pio, ha così descritto questo particolare periodo storico, dopo aver cantato Clandestini. “Questo è un momento difficile, vogliamo accogliere i clandestini, questo pezzo scritto nel lontano 1998 era valido all’epoca, ma mai così attuale e grave come lo è oggi“, ha dichiarato. “E’ un problema diventato sempre più grave di giorno in giorno. Questo è un grido di speranza: ti domandiamo asilo”, le parole dell’artista.

In un’altra intervista rilasciata a Oggi, invece, il cantautore e compositore, ha parlato del suo stile di vita e del suo modo di intendere la musica: “L’artista deve essere un’isola. Non scrivo per gli altri, lo faccio per godimento personale e con la speranza che piaccia al pubblico. Amo la gabbia in cui compongo”.







© RIPRODUZIONE RISERVATA