ROMA, FURBETTI DELLA RACCOLTA RIFIUTI/ Video Le Iene: Raponi indagato, “Raggi sapeva”

- Carmine Massimo Balsamo

La Procura di Roma indaga sui furbetti della raccolta rifiuti dopo il servizio de Le Iene: Maurizio Raponi e le accuse di frode, Raggi al corrente da un mese?

roma furbetti raccolta rifiuti
Roma, i furbetti della raccolta dei rifiuti (Le Iene)

Filippo Roma torna anche stasera con un nuovo servizio, ad occuparsi dei furbetti della raccolta dei rifiuti a Roma, e scopre che il presidente della società Roma Multiservizi sarebbe stato indagato per frode. Non solo: la sindaca Raggi, che intercettata dalla iena aveva asserito di essere all’oscuro di tutto, in realtà sarebbe stata allertata del problema già nei mesi scorsi. A finire così nel registro degli indagati sarebbe Maurizio Raponi, presidente della società che per conto di Ama si occupa della raccolta dei rifiuti negli esercizi commerciali della Capitale. Ma questa è solo una delle novità che saranno rese note nel nuovo servizio in programma per questa sera. Secondo le testimonianze esclusive e le prove raccolte, pare infatti che la sindaca Virginia Raggi sapesse da tempo la situazione per nulla semplice legata al dilagante disservizio molto più vicino ad una truffa (parola usata dalla stessa sindaca nel precedente servizio) in quanto messa al corrente da circa un mese. Sarebbe stato un commerciante “speciale” in quanto anche lui riveste un ruolo pubblico, ad informarla i primi di settembre. (Aggiornamento di Emanuela Longo)

NUOVO SERVIZIO A LE IENE

L’inchiesta de Le Iene sui furbetti della raccolta rifiuti di Roma produce risultati: come sottolinea il programma di Italia 1, la Procura capitolina ha aperto un’indagine sul lavoro delle attività commerciali da parte delle società appaltatrice, i magistrati ipotizzano una fattispecie fraudolenta. Il servizio di Filippo Roma e Marco Occhipinti ha scatenato un grande dibattito sulla raccolta rifiuti a Roma, con operatori “furbetti” che fregherebbero i cittadini. Come vi abbiamo raccontato, la raccolta avviene nelle ore notturne e, dato che gli esercizi commerciali sono chiusi, ciò rende impossibile raccogliere la differenziata. Alcuni dei dipendenti della società in questione strisciano un codice a barre presente all’esterno dell’utenza con il palmare dell’azienda, in modo che risulta che la spazzatura è stata raccolta regolarmente: spetterà ai magistrati chiarire se questo comportamento è sistematico, l’ipotesi di reato è di truffa ai danni del Comune.

ROMA, FURBETTI RACCOLTA RIFIUTI: L’INCHIESTA DE LE IENE

L’indagine de Le Iene con Filippo Roma e Marco Occhipinti è scattata grazie alla segnalazione di un operatore che lavora per Roma Multiservizi, una delle ditte che ha in appalto la raccolta dei rifiuti da parte dell’Ama. Come dicevamo, resta da valutare se questo comportamento fraudolento sia un’iniziativa degli operatori o se sia la società per cui lavorano a chiedere di «fare i furbetti». Quest’ultima ipotesi è quella caldeggiata dalla fonte del programma di Italia 1: «A dirci di beggiare senza raccogliere sono stati i dirigenti di Roma Multiservizi, che hanno fatto una riunione agli inizi dicendoci di attaccare più tardi. Attaccare più tardi significa non raccogliere perché i negozi sono chiusi». Nel servizio in onda questa sera, giovedì 10 ottobre 2019, Filippo Roma si metterà a seguire alcuni camioncini che raccolgono l’immondizia per le strade di Roma… Clicca qui per vedere il servizio de Le Iene.

© RIPRODUZIONE RISERVATA