OPERA/ La Bohème di Puccini a Caracalla: questa volta con tutta l’orchestra

- Giuseppe Pennisi

Nuova edizione de La Bohème di Giacomo Puccini questa volta con tutta l’orchestra e gli accompagnatori previsti, alle Terme di Caracalla. Ce ne parla GIUSEPPE PENNISI

La_boheme_roma_R439
La Bohème alla Terme di Caracalla

Ne Il Sussidiario.net del 17 luglio 2014, riferii della prima rappresentazione alle Terme di Caracalla di La Bohème di Giacomo Puccini andata in scena, dopo molti anni di assenza, con solo l’accompagnamento del pianoforte  a ragione dello sciopero di una delle sigle sindacali degli orchestrali (10 su 92, come richiesto dalla partitura). Quest’anno, il 25 luglio, l’opera è andata in scena con organico completo con la regia di Davide Livermore, che firma anche scene, costumi e luci e la direzione musicale di Paolo ArrivabeniNei ruoli principali si alternano: Serena Farnocchia e Cristina Pasaroiu (29 luglio, 5 e 7 agosto) Mimì; Abdellah Lasri e Matteo Lippi (29 luglio, 7 agosto), Rodolfo; Julian Kim sarà Marcello, Rosa Feola Musetta, Alessio Arduini Schaunard, Carlo Cigni Colline, Roberto Accurso Benoît e Alcindoro. Maestro del Coro Roberto GabbianiPartecipano alla messa in scenagli allievi della Scuola di Canto Corale del Teatro dell’Opera di Roma diretta dal Maestro José Maria Sciutto.

Nell’ultimo capitolo delle “Scene di una vita da bohème” di Henry Murger (il romanzo a cui si sono ispirati sia Leoncavallo sia Puccini) è passato un anno dalla morte di Mimì. Tanto il poeta Rodolfo quanto il pittore Marcello (nonché il musicista Colline e il filosofo Schaunard) hanno fatto fortuna nelle loro rispettive professioni. Si sono pure imborghesiti. Marcello ha appena passato una notte con Musette – ma è stata “una triste notte….non era più lo stesso…niente affatto!”. “La gioventù – conclude con una punta d’amarezza il pittore – ha una stagione sola”.

Bohème di Giacomo Puccini è una delle opere più eseguite al mondo. E anche una delle più amate. Non solo in Europa (ricordo magnifiche edizioni sia a Parigi sia a Budapest) ma in tutto il mondo (ne vidi una messa in scena a Nairobi e una a Seoul negli Anni Setttanta). Nella produzione pucciniana, “Bohème” è un’opera unica, dal colore inconfondibile. Eclettica, tale da fondere mirabilmente il melodramma, il romanticismo tedesco, l’opéra lyrique francese e la romanza-canzone da salotto: è il più fulgido esempio italiano di “literaturoper”. Anche per questo motivo, è memore di Bizet, di Massenet e di Gounod più che della tradizione italiana. Anche per questo pur se classificata tra la musica classica è sempre contemporanea.

A Roma viene messa in scena quasi ogni anno o al Teatro dell’Opera o in palcoscenici meno noti del Costanzi (ricordo una bella edizione scenica nell’auditorium di Via della Conciliazione a cura dell’Orchestra Sinfonica di Roma). Mancava, però, dalla sede più ‘popolare’ (perché ha una platea di 3.700 posti), le Terme di Caracalla, dal 1967. A differenza delle edizioni del passato, non si tenta un allestimento grandioso con scene costruite, ma si porta a Roma una versione  già applaudita negli Stati Uniti ed in Spagna. Scene, costumi e regia di David Livermore sono già stati apprezzati a Philadelphia e Valencia. L’azione è spostata ai tempi della pittura impressionista : su otto schermi, e sulle rovine romane, vengono proiettati quadri dell’epoca. Unico tocco di grandiosità: un effetto speciale che fa piovere neve anche sul pubblico nel terzo quadro ,quello della Barrière d’Enfer.

In questo allestimento, famose opere d’arte dell’impressionismo francese, da Renoir a Monet, circondano i protagonisti immergendoli in un continuum pittorico, “Ci troveremo in un ipotetico ed immaginario atelier –afferma Livermore – con pitture in animazione che continueranno ad entrare in rapporto con quello che è il movimento scenico, la recitazione degli artisti e con la partitura di Puccini”.

Ma andiamo allo spettacolo. La direzione musicale è affidata a Paolo Arrivbeni, che debutta al Teatro dell’Opera di Roma, dopo essere stato dal 2008 il direttore musicale il quale ha contribuito al rilancio dell’Opéra Royale de Wallonie a Liegi. Mostra un piglio sicuro, entra nelle raffinatezze della complessa partitura pucciniana, intrisa di sinfonismo continuo e fornisce le tinte attese.  Il coro trionfa nella scena del secondo quadro: la vigilia di Natale al Caffè Momus.

Il 25 luglio, di grandissimo livello il tenore marocchino Abdellah Lasri, un Rodolfo di classe con un ottimo timbro di centro, un buon fraseggio ad un acuto saldo. Cristina  Farnocchia è una Mimi che, benché giovane, può essere già considerata una veterana del ruolo; dolcissima ma generosa di volume. Rosa Feola e Julian Kim danno un’ottima prova nei ruoli di Rodolfo e di Marcello. Di buon livello e sicura esperienza anche gli altri.

Teatro esaurito. Applausi a scena aperta ed ovazioni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori