30enne beve troppi caffè e si rompe 3 costole/ “Aveva ossa come una 60enne”

Bere troppi caffè fa male alla salute: lo sa bene una 30enne cinese che ha subito la rottura di tre costole dopo un colpo di tosse…

caffe_bar_macchina_pixabay
Macerata, bar vs tedeschi: "Pagate il caffè in base allo spread" (Pixabay)

Bere troppo caffè nuoce alla salute. E’ risaputo, i medici sconsigliano di abusare della nota bevanda amara, così come di tutto del resto, ma una ragazza cinese di 30 anni non ha voluto ascoltare alcun parere fino a che non è finita in ospedale. La storia che stiamo per raccontarvi ha come protagonista una giovane residente nella città di Wuhan Hubei, nella Cina centrale, che dopo aver consumato per anni ingenti quantità di caffè si è ritrovata con tre costole rotte. Proprio così perché bevendo per almeno sette anni dieci tazze al giorno, che fanno un totale di circa 25mila tazze di caffè, ha avuto un fortissimo attacco di tosse provocatogli dall’osteoporosi precoce, patologia quest’ultima collegata alla dipendenza da caffè. Dopo l’attacco la donna si è recata nell’ospedale locale per via di fortissimi dolori che non le permettevano di dormire (fratturare le costole, è risaputo, è fra i dolori più difficili da sopportare), e quando il medico l’ha visitata è rimasto sorpreso nell’apprendere la quantità di bevanda amara che la ragazza assumeva ogni giorno da sette anni.

30ENNE BEVE TROPPI CAFFÈ E SI ROMPE 3 COSTOLE

A quel punto lo specialista, forse intuendo il problema, ha deciso di sottoporre la propria paziente ad una verifica dello stato delle ossa, e i risultati hanno appunto evidenziato tre costole fratturate e una osteoporosi precoce: in poche parole, lo scheletro della 30enne era nello stesso stato di una di 60 anni. Chen Baoujun, il medico che lavora presso il dipartimento di chirurgia toracica dell’ospedale dove la donna è stata curata, ha spiegato che quello della giovane non è il primo caso da lui visionato. Negli ultimi anni sono infatti aumentate a dismisura le persone che non praticano sport e che assumono grandi quantità di bibite gassate, alcol, caffè o tabacco, tutti cibi dannosi per le ossa e per il calcio, che non fanno altro che renderle più fragili, come capitato appunto alla 30enne di cui sopra.



© RIPRODUZIONE RISERVATA