SCENARI/ Propaganda e manipolazione: il potere “soft” della Cina in Africa

- Giuseppe Gagliano

Per espandersi a livello globale, soprattutto in Africa occidentale, la Cina fa un sapiente uso della propaganda mediatica

cina coronavirus soldati 1 lapresse1280 640x300
Soldati cinesi con le mascherine per difendersi dal coronavirus (LaPresse)

“Sottomettere il nemico con la forza non è l’apice dell’arte della guerra, l’apice di quest’arte è sottomettere il nemico senza versare una sola goccia di sangue”, ha spiegato Sun Tzu nel suo trattato fondatore, L’arte della guerra. Questo principio eretto dall’antico pensatore cinese è ancora oggi al centro delle strategie di influenza di Pechino.

Infatti, grazie all’istituzione dei suoi media internazionali (Radio Chine Internationale – Rci; China Global Television Network – Cgtn, Xinhua) in Africa occidentale, la Cina sta cercando di convincere le popolazioni locali di una vicinanza ideologica tra i loro paesi, diffondendo rappresentazioni e altro narrazioni distorte sulle sue attività nella regione.

Allo stesso tempo, le potenze occidentali stanno diffondendo rappresentazioni della Cina come minaccia per il continente africano. Queste rivalità per il potere e le rappresentazioni su questioni territoriali, trasmesse dai media, sono caratteristiche della geopolitica dei media nei paesi dell’Africa occidentale.

In questo contesto, la Cina vuole difendere le proprie posizioni e rispondere alle accuse attraverso i media internazionali. Si tratta anche di supervisionare le attività delle sue società situate in Africa occidentale attraverso la diffusione di narrazioni favorevoli. La cooperazione tra Cina e Africa sui media ha subito un’accelerazione all’inizio degli anni 2010 su iniziativa di Pechino, vedendola come un’opportunità per trasmettere retorica alternativa sul potere cinese, ma anche sui suoi partner africani. Per fare questo, Pechino ha finanziato l’installazione di nove relè FM in Africa occidentale e un relè a onde corte in Mali per inviare il segnale Rci attraverso il continente africano.

Anche uffici e corrispondenti di Xinhua sono stati istituiti nella maggior parte dei paesi della regione. Inoltre, l’agenzia di stampa cinese ha adottato una strategia di libero accesso, che le consente di offrire contenuti multimediali a tutti gli editori che lo desiderano. Di conseguenza, le rappresentazioni e le narrazioni formulate dalla Cina si trovano diffuse nelle pubblicazioni dei media in tutta l’Africa occidentale, amplificandone la diffusione e l’impatto. Allo stesso tempo, la Cina ha istituzionalizzato la sua cooperazione mediatica con i suoi alleati africani, attraverso la firma di partnership volte a consentire lo scambio di contenuti tra le parti, oltre a garantire una rappresentanza positiva della Cina e dei partner africani in queste pubblicazioni.

Questa impresa dell’influenza mediatica di Pechino è fortemente inquadrata dal potere centrale della Repubblica popolare cinese. Il Partito comunista cinese (Pcc) al governo ha effettivamente un ruolo importante nel controllo e nella direzione strategica dei media internazionali. Perché l’istituzione dei media cinesi in Africa occidentale non è solo una questione di pubblico e condivisione culturale: Pechino ha obiettivi geopolitici globali e la sua presenza mediatica nella regione è una leva di potere che le consente di raggiungere i suoi obiettivi. Attraverso la diffusione dei suoi contenuti, la Cina fornisce una piattaforma per i suoi partner africani che possono promuovere i loro governi, fornendo al contempo supporto diplomatico alla Cina. I media cinesi trasmettono regolarmente discorsi di personalità politiche dell’Africa occidentale che difendono le posizioni diplomatiche della Cina riguardo ai conflitti con Taiwan o Hong Kong e legittimano il principio di One China.

Inoltre, nel contesto della crisi sanitaria globale legata alla pandemia di Covid-19, i media cinesi si sono mobilitati per rispondere alle accuse di responsabilità. Rci, Cgtn e Xinhua trasmettono contenuti quotidiani che evidenziano gli importanti mezzi impiegati da Pechino nella sua lotta contro il Covid-19. Questi relè informativi trasmettevano pubblicazioni riguardanti cerimonie per la donazione di attrezzature mediche, vaccini o persino maschere, al fine di presentare la Cina come una potenza benevola, unita e generosa con i suoi alleati dell’Africa occidentale. Pechino inquadra così la sua strategia di diplomazia sanitaria, con atti presentati come disinteressati, manipolando le informazioni per trasmettere un’immagine favorevole della Cina e delle sue aziende in Africa occidentale, screditando le azioni di altre potenze influenti nella regione.

— — — —

Abbiamo bisogno del tuo contributo per continuare a fornirti una informazione di qualità e indipendente.

SOSTIENICI. DONA ORA CLICCANDO QUI

© RIPRODUZIONE RISERVATA