SCENARI/ Tutte le pedine di Kagame (Ruanda) nel risiko dell’Africa

- Roberto Favazzo

L’esercito del Ruanda è diventato una risorsa importante per ampliare la sfera di influenza politica del suo presidente Paul Kagame. Ecco i suoi uomini

africa mali 2 apresse1280 640x300
Immagine di repertorio (LaPresse)

L’esercito ruandese, già impegnato nella Repubblica Centrafricana e nel Sud Sudan, è diventato una risorsa importante per ampliare la sfera di influenza politica di Kigali. Il presidente Paul Kagame fa affidamento su una struttura orientata alle operazioni esterne e su alleati al di fuori dell’Africa. Il capo di gabinetto ruandese Jean–Bosco Kazura  si incontra regolarmente con i suoi omologhi africani ma anche con i ministri del governo. A metà novembre, ad esempio, ha ricevuto il gen. Célestin Mbala della Repubblica Democratica del Congo in seguito a un attacco di ex combattenti del movimento ribelle M23 nel Nord Kivu. Alla fine di ottobre, ha visitato Bamako (Mali) dove ha incontrato il capo dell’esercito del Mali Oumar Diarra e il ministro della Difesa Sadio Camara. Ha proposto una cooperazione bilaterale incentrata sull’antiterrorismo, poiché Bamako cerca di colmare il vuoto lasciato dal ritiro della Francia.

In qualità di artefice della diplomazia militare del Ruanda, il gen. Kazura sta cercando di vendere i servizi del suo esercito nel continente, in particolare grazie al recente successo delle sue truppe in Mozambico. Ad agosto, l’arrivo delle Forze di difesa ruandesi (Rdf) a Cabo Delgado, al di fuori di qualsiasi accordo regionale, è stato ampiamente criticato, in particolare dalla Comunità di sviluppo dell’Africa meridionale (Sadc), che all’epoca aveva in programma di inviare un proprio contingente, la missione della Sadc in Mozambico (Samim).

Il presidente del Mozambico Filipe Nyusi aveva invitato le truppe ruandesi in seguito a diversi incontri bilaterali con il suo omologo, Paul Kagame. I primi progressi compiuti dai soldati ruandesi contro gli insorti jihadisti hanno finalmente guadagnato a Kigali gli elogi dell’Africa meridionale.  I primi attacchi effettuati da questo contingente di migliaia di persone sono stati più efficaci degli sforzi dei loro predecessori in Mozambico, vale a dire il gruppo di sicurezza russo Wagner.

L’entente cordiale tra le forze della Sadc e del Ruanda si è intensificata sulla scia degli incontri del gen. Kazura con alti ufficiali della regione, in particolare quelli in Tanzania, Zimbabwe e Malawi, che contribuiscono tutti e tre a Samim.

Nominato a giugno a capo dello stato maggiore dell’esercito, il gen Mubarakh Muganga è l’orchestratore dell’intervento ruandese a Cabo Delgado, che ha visitato a settembre.

Muganga ha monitorato personalmente l’intervento di Kigali nella Repubblica Centrafricana, dove la missione di pace Minusca dell’Onu comprende alcune truppe ruandesi e dove 500 uomini delle forze speciali ruandesi sono state dispiegati nel dicembre 2020 come parte di un accordo bilaterale tra Bangui e Kigali per rafforzare la sicurezza durante le elezioni presidenziali.

Muganga comanda le operazioni della Repubblica centrafricana da lontano per il momento, tramite il comandante del contingente Patrick Gasana Rugomba, un veterano delle forze di Kigali in Sud Sudan. Rugomba vi ha lavorato a fianco dell’attuale comandante del contingente ruandese della Missione delle Nazioni Unite in Sud Sudan (Unmiss). In Mozambico, le truppe ruandesi sono guidate dal gen. Innocent Kabandana, ex capo dell’Accademia militare Gako, che fino al 2019 ha comandato anche le forze operative speciali a Kigali.

Sebbene le operazioni del Ruanda nella Repubblica Centrafricana e nel Sud Sudan siano finanziate dall’Onu, non è così per il contingente in Mozambico, il cui finanziamento rimane poco chiaro. Secondo Kagame, questa operazione su larga scala viene effettuata esclusivamente con fondi ruandesi.

Tuttavia, il Ruanda potrebbe presto ricevere aiuti dall’Unione Europea.  Negoziato dagli ambasciatori ruandesi a Bruxelles e Parigi Dieudonné Sebashongore e Francois–Xavier Ngarambe, questo finanziamento  multimilionario, destinato alle operazioni di mantenimento della pace, sarà erogato dallo European Peace Facility (Epf) creato lo scorso marzo dal Consiglio europeo.

Kagame sceglie con cura gli addetti militari che invia ai suoi partner nel settore, come il col. Raoul Bazatoha, di stanza a Washington. Ex consigliere militare della missione ruandese presso l’Onu a New York, è uno dei principali esperti legali dell’Rdf.

Anche il rappresentante del Ruanda a Mosca, Frank Mushyo Kamanzi, ha esperienza militare straniera. L’ambasciatore, che è anche un generale della Rdf, ha comandato l’Unmiss fino al 2019. In Cina il col. John Karangwa ha prestato servizio come addetto militare per quattro anni, insieme all’ambasciatore James Kimonyo, un diplomatico di carriera. A Kigali, Karangwa era vicedirettore del dipartimento di controspionaggio dell’intelligence militare. Il governo di Recep Tayyip Erdogan, che sta lavorando per garantire che le imprese militari turche dominino la regione dei Grandi Laghi, non viene escluso. L’addetto militare inviato da Kagame ad Ankara a maggio altri non è che l’ex capo di stato maggiore della Rwanda Air Force (Raf), Joseph Demali.

L’approvvigionamento militare del Ruanda è centralizzato a Kigali all’interno del dipartimento logistico dell’Rdf. Questa unità opaca è guidata dallo Stato maggiore congiunto 4 (J4), il poco noto col. Adolphe Simbizi.  A differenza di Kazura e Muganga, Simbizi è l’ex direttore degli affari amministrativi e legali del ministero della Difesa.

— — — —

Abbiamo bisogno del tuo contributo per continuare a fornirti una informazione di qualità e indipendente.

SOSTIENICI. DONA ORA CLICCANDO QUI





© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori