SCUOLA/ “Tra Rav e Ptof, 18 ore e sommerso, la realtà che si continua a nascondere”

- Laura Giulian

La percezione che si ha della scuola è ormai lontana dalla realtà. È un mondo completamente sfrangiato, che va avanti solo per la dedizione di alcuni

giuseppe valditara Giuseppe Valditara, ministro dell'Istruzione (LaPresse)

La scuola oggi è quel luogo in cui arrivano migliaia di euro da spendere obbligatoriamente solo per lo sviluppo dell’ambito tecnologico-informatico, ma non c’è nemmeno una macchinetta del caffè da più di due anni perché semplicemente è scaduto il bando con la ditta appaltatrice e per una questione di sicurezza non è possibile usare una banale macchina automatica a cialde in aula docenti.

La scuola è quel luogo in cui le aziende fanno pressione per fare l’orientamento verso la scelta della scuola superiore, preferibilmente tecnica o professionale, mostrando che tipo di figure professionali servirebbero nel mondo del lavoro e richiedendo molta qualità, ma è anche lo stesso luogo in cui alunni di terza piangono sconfortati, fragili, confusi, perché non hanno nel cuore nessuna direzione per il futuro.

La scuola è quel luogo in cui viene richiesta una formazione continua, complessa e in costante evoluzione da un anno all’altro rispetto a stesura di documenti, valutazione, Rav, Ptof, Invalsi, anno di prova, Pei, ma poi mancano i soldi per comprare dei palloni per la palestra, necessari per qualsiasi attività minima da progettare.

La scuola è quel luogo in cui si fanno tanti progetti, spesso nemmeno voluti dai docenti stessi che sono i primi che vorrebbero fare molta più didattica. Spesso è il territorio in cui si è insediati che li richiede per tessere relazioni, per fare rete, per offrire occasioni, ma poi mancano le relazioni base ai nostri alunni, quelle cresciute a casa, quelle che insegnano l’abc dei sentimenti, oggi svuotati di contenuto.

La scuola è quel luogo in cui dall’esterno in molti spingono verso l’ambito scientifico-tecnologico, un’iniziativa giusta ed opportuna, ma è al contempo il luogo in cui ci scontriamo quotidianamente con un grosso analfabetismo emotivo e una grossa povertà umana e relazionale.

La scuola è quel luogo in cui il lavoro sommerso è aumentato in modo incalcolabile per i docenti: le famose “18 ore” che tutti credono non esistono più da tempo, le responsabilità professionali richieste sono davvero enormi e purtroppo la didattica è l’ultima tra queste, ma è anche lo stesso luogo in cui lo stipendio è rimasto bloccato e un docente che vive da solo, con l’affitto o il mutuo da pagare, fatica ad arrivare a fine mese.

Queste non sono né critiche, ne giudizi. Non è nemmeno una lamentela. Ogni lavoro, ogni epoca storica, ha avuto le sue falle, le sue frustrazioni, come pure le sue evoluzioni di novità e le sue meraviglie. È oggettivamente innegabile, però, come sia avvenuto un grosso cambiamento all’interno di un mondo che è di tutti, di cui tutti possono dire qualcosa, fosse solo perché tutti lo hanno vissuto dall’altra parte della cattedra. Ma proprio come le cose che sono di tutti, rimangono affamate. “Il cane di due padroni muore di fame”. È un mondo che pare abbia molti doveri ma che abbia perso per strada i diritti. È un luogo in cui la buona volontà o la disponibilità gratuita spesso sono il motore trainante principale, elemento eticamente e moralmente ammirevole, ma professionalmente distruttivo.

Nei tantissimi anni di precariato ho incontrato tanti tanti colleghi, molti sono diventati poi amici. Tutti questi sono animati dal mio stesso spirito di chi desidera portare su di sé la causa scolastica, di chi la incarna e la vive ben oltre le “18 ore”, di chi non si lamenta e basta, ma cerca di svolgere ruoli attivi e “protagonisti”, di chi desidera continuare a sognare e attuare cambiamenti. Ogni tanto ho la sensazione anch’io però che questi sforzi e queste aspirazioni finiscano, come per don Chisciotte, in un nulla di fatto. In quei giorni devo ripensare alla goccia che scava la roccia: quotidiana, testarda, tenace, umile, piccola, fedele, che non molla di un millimetro. Forse la scuola è anche questo luogo qui; o forse è questa la vera utopia di chi continua a sceglierla, nonostante tutto.

— — — —

Abbiamo bisogno del tuo contributo per continuare a fornirti una informazione di qualità e indipendente.

SOSTIENICI. DONA ORA CLICCANDO QUI





© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori