Serena Grandi a processo: “Non pagò resort”/ Ma lei si difende: “Ero una loro ospite”

- Silvana Palazzo

Serena Grandi a processo perché non avrebbe pagato il conto di un resort di Arezzo. Ma l’attrice si difende: “Ero una loro ospite”. Parla anche il suo legale, l’avvocato Federico Militerni

serena grandi
Serena Grandi a La vita in diretta

Solo un mese fa Serena Grandi è stata vittima di un furto nella sua casa a Rimini, ora il processo per non aver pagato il conto di un resort della provincia di Arezzo. Non è sicuramente un periodo fortunato per l’attrice. Nello specifico è accusata di non aver saldato il conto di 732 circa in un resort di Santa Firmina, dove era stata con il fidanzato di allora Luca Iacomoni. I fatti risalgono al 25 giugno 2018, ma mercoledì scorso è cominciato il processo che ha visto la titolare dell’albergo chiedere di costituirsi parte civile. Il giudice ha rinviato al giugno del 2020: verranno ascoltati vari testimoni, oltre alla stessa Serena Grandi. Quest’ultima dal canto suo si dice serena. E al Resto del Carlino fornisce la sua versione dei fatti: «Non è vero che non voluto pagare il conto. Le cose sono andate in maniera molto diversa. Ci siamo fermati nel resort perché c’era un accordo, preso dai titolari con lui: io con la mia permanenza lì avrei fatto un po’ di pubblicità alla struttura in cambio del pernottamento». Serena Grandi e Luca Iacomoni erano reduci da un viaggio all’estero. Stando al racconto dell’attrice, cenarono nell’hotel e trascorsero lì la notte. Quando il mattino dopo dovevano lasciare l’albergo per ripartire la sorpresa: «L’impiegata alla reception non ci voleva riconsegnare i nostri documenti finché non avessimo saldato il conto».

SERENA GRANDI A PROCESSO, LEI SI DIFENDE “ERO LORO OSPITE”

Serena Grandi al Resto del Carlino racconta che lei e il fidanzato di allora Luca Iacomoni proposero a quel punto di mandare una fattura. All’ennesimo rifiuto se ne andarono senza pagare e senza documenti, tra cui il passaporto della Grandi. Un mese dopo circa l’attrice ha presentato denuncia ai carabinieri contro i titolari dell’albergo per «appropriazione indebita di passaporto». Il legale dell’attrice, l’avvocato Federico Militerni, al giornale ha spiegato che i documenti non sono stati ancora restituiti. «Siamo convinti di poter chiarire al giudice la situazione e dimostrare che non c’era alcuna intenzione da parte di Serena di non voler pagare il conto. Lei era andata lì con un accordo preciso». Secondo l’avvocato di Serena Grandi questa battaglia legale dei titolari del resort è «un pretesto per avere una maggiore visibilità, sfruttando l’immagine di un personaggio pubblico come Serena». Non sarebbe stata cercata infatti alcuna mediazione: i gestori dell’albergo sarebbero passati direttamente alla denuncia. «Il conto doveva essere inviato alla società del suo ex fidanzato, essendo stato lui ad aver preso gli accordi», precisa poi l’avvocato. Invece l’attrice ha poco da aggiungere: «Tanto rumore per nulla. Figuriamoci se io me ne vado da un posto senza saldare il conto. La realtà è che io ero ospite, ma poi hanno preteso che pagassi».



© RIPRODUZIONE RISERVATA