“Sostenibilità e Sussidiarietà”/ Video, Pierini (Coca-Cola): ecco la ricetta segreta

- Niccolò Magnani

Anche Coca-Cola Italia al talk “Dopo il Covid” al Meeting di Rimini 2020 per il ciclo “Sostenibilità e Sussidiarietà”: «i lavoratori sono la nostra ricetta segreta»

Pierini, Coca Cola
Giangiacomo Pierini, Coca Cola Italia (video Il Sussidiario)

In vista dell’imminente Meeting di Rimini 2020 Special Edition, all’interno del talk show live “Dopo il Covid #quellicheripartono” è previsto un folto ciclo di incontri sul tema “Sostenibilità e Sussidiarietà”: dopo aver presentato alcuni degli ospiti che parteciperanno attivamente ai dibattiti, ospite in una intervista esclusiva al Sussidiario.net è oggi il mondo Coca-Cola HBC Italia. Coca-Cola e il lavoro, una tematica che da decenni si intreccia ma che negli ultimi mesi del Covid-19 acquisisce un significato particolare: «oltre 2mila lavoratori in Italia sono la ricetta segreta dei nostri prodotti», spiega al Sussidiario.net Giangiacomo Pierini, direttore Relazioni Istituzionali e Comunicazione di Coca-Cola HBC Italia. «Da 4 anni siamo all’interno dei top employer ma questo non basta, puntiamo sempre alla formazione sempre più approfondita dei nostri lavoratori», prosegue il responsabile di Coca-Cola HBC Italia nell’introdurre il tema della sostenibilità. «Per noi importante è rendere la nostra azienda un posto piacevole dove lavorare», spiega Pierini sottolineando poi il valore essenziale della sostenibilità durante la pandemia coronavirus: «momento molto difficile per l’organizzazione del lavoro, colleghi e uffici con lavori molto diversi richiedevano da subito procedure che mirassero ala sicurezza come prima priorità e poi un costante confronto con le tante normative del Governo all’inizio della pandemia». Coca-Cola HBC Italia ha fin da subito stabilito diverse regole poi divenute utilizzate anche a livello nazionale su altre imprese e realtà: «dal 2014 noi adottiamo lo smart working come opzione reale» e grazie a questa lungimiranza spiega Pierini, «abbiamo potuto già da fine febbraio chiudere i nostri uffici e trasferire la forza lavoro in smart working».

COCA-COLA HBC ITALIA E LA SOSTENIBILITÀ

Covid è sostenibilità? Un tema difficile sul quale il Meeting quest’anno ragionerà a più riprese: secondo il responsabile della Coca-Cola, azienda anche italiana da oltre 90 anni, «siamo parte orgogliosa della comunità e significa attivarsi anche in fasi d’emergenza come queste. Oltre alle donazioni fatte alla CRI, abbiamo voluto donare i nostri prodotti ai medici e operatori sanitari per regalare loro un filo di sorriso ed energia che meritavano in quei momenti più di tutti». 1 milione di prodotti sono stati distribuiti gratuitamente a 18 mila operatori, ma non solo: pranzi offerti ai trasportatori (visto che bar e ristoranti erano chiusi), molte iniziative per dimostrare la vicinanza e solidarietà alla comunità. Per Giangiacomo Pierini gli ingredienti possibili per una ripresa post-Covid non possono che partire dalla continuità del core business: «non tutti sono riusciti a riaprire ma con diversi progetti stiamo tentando di restare il più vicino possibile ai produttori e ristoratori».

Grande timore, ammette Pierini, sussiste ancora per la «spada di Damocle» delle due tasse che arriveranno dal Governo (e anche dall’Europa): «la plastic tax e la sugar tax rischiano di colpire questi punti di vendita già in crisi per la pandemia Covid-19, speriamo che il Governo cambi idea il più presto possibile», si augura il responsabile comunicazione di Coca-Cola HBC Italia. Ripresa è complessa ma bisogna essere positivi, chiarisce in ultima analisi Pierini sottolineando l’importanza della sostenibilità “dal basso”: «non è più un’etichetta che le aziende si mettono per sembrare più belle, la sostenibilità è un nuovo modo di concepire il business, deve guidare le scelte dell’impresa». Dal packaging al 100% riciclabile alla possibilità di utilizzare materiale riciclato, la sfida per ripartire – al netto delle difficoltà e ostacoli messi a volte dalle leggi dello Stato – è possibile e le varie sfide non sono impossibili.



© RIPRODUZIONE RISERVATA