Sprechi Rai, inchiesta Striscia/ Content room e studi meteo da 3 milioni inutilizzati

- Emanuela Longo

Sprechi Rai, l’inchiesta di Striscia la Notizia che stasera indagherà sulla Content Room a Saxa Rubra e sugli studi Meteo, operazione per oltre 3 milioni di euro ma…

sprechi rai striscia la notizia 640x300
Sprechi Rai, inchiesta Striscia la Notizia

Prosegue l’inchiesta da parte di Striscia la Notizia, il Tg satirico di Antonio Ricci in onda su Canale 5, sugli sprechi in Rai, la tv di Stato. Questa sera assisteremo ad un nuovo appuntamento per “Rai Scoglio 24”, il canale di Striscia dedicato proprio alla Rai, durante il quale saranno mostrate in esclusiva le immagini dell’interno della costosissima Content Room della Rai a Saxa Rubra. Si tratta di una struttura costruita nel 2018 per il canale di Pubblica Utilità e che è stata dotata di tutti gli strumenti necessari come monitor, luci e schermi da impiegare nelle dirette tv. Nonostante questo però, la costosa e attrezzatissima Content Room viene usata oggi solo come un semplice ufficio diventando di fatto uno “spreco”.

Non vi è quindi alcuna trasmissione all’attivo ma solo sedie e scrivanie. Eppure, stando a quanto svelato da Striscia la Notizia, l’operazione sarebbe costata oltre 3 milioni di euro e comprenderebbe anche gli studi Meteo che però continuano ad essere inutilizzati e sarebbero ormai del tutto dimenticati.

SPRECHI RAI “CONTENT ROOM E STUDI METEO INUTILIZZATI”

La rubrica di Striscia la Notizia, Rai Scoglio 24, è riuscita ad entrare in possesso dei preventivi di spesa del novembre del 2017 dai quali emergono costi esorbitanti e nel dettaglio: 400 mila euro di costi per carpenteria, luci e apparati video ed altri 400 mila euro per l’arredamento e la scenografia. Questi i presunti costi solo relativi a tre stanze. Non è un caso se, stando sempre a quanto emerso dall’inchiesta di Striscia, il sindacato Libersind Confsal si lamentò chiedendo l’intervento dei vertici a causa di tutti questi sprechi Rai. Il Tg satirico di Antonio Ricci, anche in questo nuovo appuntamento accenderà i riflettori sulla gestione da parte dei vertici della tv di Stato all’insegna di silenzi e spese apparentemente fuori controllo. L’inviato Pinuccio si era già occupato di questo tema segnalando una ulteriore anomalia legata agli esorbitanti costi della sede Rai di Bruxelles.



© RIPRODUZIONE RISERVATA