STEFANO MAINETTI, MARITO ELENA SOFIA RICCI/ “Anche in casa è impossibile parlare!”

- Dario D'Angelo

Stefano Mainetti, marito Elena Sofia Ricci a Domenica In: l’idea comune che ha portato alla prima giornata nazionale dello spettacolo

Stefano Mainetti
Il direttore d’orchestra Stefano Mainetti

In occasione della Prima giornata nazionale dello spettacolo, Elena Sofia Ricci, il marito Stefano Mainetti ed Elisa Barucchieri sono intervenuti a Domenica In. “E’ una giornata che ci riconosce come una categoria di lavoratori. Il 24 ottobre lo scorso anno sono stati chiusi tutti i cinema e i teatri”, ha spiegato Elena Sofia Ricci. Il marito Stefano Mainetti ha scherzato asserendo: “Anche in casa è così”, riferendosi all’impossibilità a parlare.

Stefano Mainetti ha preso la parola spiegando in che modo è nata la collaborazione con la moglie: “Da subito c’è stata una condivisione di intenti”, ha esordito. Poi l’idea di poter coinvolgere tutte le categorie dello spettacolo, è stato chiesto a ciascuno di poter aderire a questa forma di spettacolo al fine di sensibilizzare le istituzioni  preposte affinché possano dare maggiori risorse alla cultura ed allo spettacolo. “Coinvolge tutte le maestranze, abbiamo dato voce a tutti e le istituzioni ci hanno dato retta!”, ha aggiunto Mainetti. (Aggiornamento di Emanuela Longo)

STEFANO MAINETTI, MARITO DI ELENA SOFIA RICCI A DOMENICA IN

Con Elena Sofia Ricci ospite a Domenica In non è da escludere che l’intervista con Mara Venier tocchi anche argomenti di vita privata. Se così fosse risulterebbe inevitabile un riferimento al marito dell’attrice toscana, Stefano Mainetti, affermato compositore e direttore d’orchestra. I due, sposati dal 2003, hanno partecipato di recente al “Filming Italy Sardegna Festival” diretto da Tiziana Rocca e il portale “costasmeralda.it” ha colto la palla al balzo per realizzare un’intervista doppia. La prima domanda ha indagato come i due artisti riescano a conciliare lavoro e famiglia; Elena Sofia Ricci risponde: “Come fanno tutte le coppie che lavorano. Stefano è sicuramente più presente, visto il suo lavoro di compositore che lo porta a scrivere le sue musiche da casa. Io, invece, sono costretta a spostarmi per essere presente nei set“.

Mainetti concorda: “Il fatto di avere due professioni così diverse è alla base del successo del nostro matrimonio. Nei pochi momenti in cui riusciamo a stare insieme ci coccoliamo e giochiamo con la nostra ironia“.

STEFANO MAINETTI, MARITO DI ELENA SOFIA RICCI: IL LORO GRANDE AMORE

Per quanto siano diverse, però, le loro professioni finiscono per mescolarsi e ricongiungersi più spesso di quanto si direbbe, come conferma Stefano Mainetti: “Anche in questo momento stiamo lavorando insieme, in teatro, su un bellissimo testo di Tennessee Williams, La dolce ala della giovinezza, per la regia di Pierluigi Pizzi e non è la prima volta che succede. È un valore aggiunto perché siamo riusciti a raggiungere dei risultati, soprattutto in teatro, che difficilmente avremmo ottenuto separatamente, senza l’armonia magica che ci garantisce la nostra convivenza felice“.

Entusiasmo condiviso da Elena Sofia Ricci: “Penso sia stata anche una bella scoperta, soprattutto per me come interprete. Mentre provavo il monologo da I Blues, sempre di Williams, in particolare l’angoscioso e gotico Ritratto di Madonna, Stefano scriveva in tempo reale la musica di scena e accompagnava il mio studio. Era come surfare nel mare e quindi non poter uscire da quell’onda di suoni avvolgente: io seguivo la musica e contemporaneamente le note create da Stefano si modellavano sulle mie modulazioni. Quasi una sfida con la parola che acquista forza e potere grazie alla musica che la impreziosisce“. Insomma, la sintonia tra i due è totale…



© RIPRODUZIONE RISERVATA