Striscione contro Hysaj: “Verme, Lazio è fascista”/ Scontro Ultras-tifosi sui social

- Michela Colombo

Striscione contro Hysaj: “Verme, la Lazio è fascista”: è scontro tra tifosi e ultras sui social sul giocatore, che ha cantato “Bella Ciao” in ritiro. E Sarri…

Elseid Hysaj Napoli facebook 2021 1 640x300
Elseid Hysaj , ex giocatore del Npopli, ora alla Lazio (da Facebook)

Sono giorni roventi in casa Lazio: il video in cui si vedeva il nuovo acquisto di Sarri Elseid Hysaj, cantare “Bella ciao” (una sorta di rito di iniziazione per i nuovi compagni di squadra, quella di esibirsi davanti ai compagni con una canzone) ha scatenato parecchie polemiche e furiose reazioni negli ambienti ultras biancocelesti, notoriamente vicini a posizioni di estrema destra. Che dopo le minacce e gli insulti via social delle ultime ore, pure hanno deciso di prendere più evidente posizione contro il giocatore, “colpevole” di aver cantando la canzone, inno della resistenza e della Liberazione dal regime nazifascista: solo nella giornata di ieri è infatti apparso uno striscione sul ponte di Corso Francia con scritto: “Hysaj verme, la Lazio è fascista”, a firma degli Ultras Lazio. E già ieri Franco Costantino, detto “Franchino”, uno egli esponenti di rilievo degli ultra laziali aveva dichiarato ad Adnkronos: “Storicamente la nostra è una tifoseria di estrema destra, e questo lo dichiaro anche con orgoglio. Quel ‘Bella Ciao’ cantato con la maglia della Lazio è una cosa fuori dal mondo, Hysaj ha sbagliato, non ci sono scusanti”.

SCONTRO TIFOSI-ULTRAS SUI SOCIAL PER IL CASO HYSAJ

E’ dunque situazione gravissima in casa Lazio sul caso Hysaj: la società è intervenuta con una nota ufficiale, che pure ha scontentato molti e pure ora i tifosi si stanno scontrando furiosamente in queste ore con gli Ultras sui social, in difesa dello stesso giocatore, pure minacciato di morte. E’di poco fa l’hashtag su Twitter #IostoconHysaj, che in pochissimo tempo è diventato trend topic, con cui tifosi biancocelesti e semplici appassionati si stanno ergendo a difesa del calciatore, chiedendo nel frattempo anche una più netta presa di posizione della stessa società di Lotito. Le polemiche pure continuano ad essere roventi e la sensazione che il “caso Hysadj sia tutt’altro che chiuso: secondo Il Messaggero pure Sarri sarebbe “infuriato” per quanto accaduto e per la decisione della società di non dare ulteriore risalto alla vicenda.



© RIPRODUZIONE RISERVATA