Tecla Insolia “Parto difficile per mia madre”/ “Infermiera la aiutò, ora la cerco..”

- Hedda Hopper

Tecla Insolia “Parto difficile per mia madre”, il suo struggente racconto e l’appello ai microfoni di Francesco Fredella per Chi: “Infermiera la salvò, porto suo nome e vorrei incontrarla”

Tecla Insolia
La cantante Tecla Insolia

Tecla Insolia lancia il suo accorato appello: “Vorrei incontrare l’infermiera di cui porto il nome”

Giovanni, bella e in gamba, tutto questo è quello che abbiamo apprezzato della giovane Teclia Insolia, questa sera nei panni di Nada nel film tv La bambina che non voleva cantare. Gli occhi sono tutti puntati su di lei e, in particolare, non solo su come sia arrivato ad un ruolo così importante ma anche su quale sia la sua storia, la sua vita privata e se c’è qualche curiosità che la riguarda da vicino. A tutte queste domande è riuscito a rispondere il giornalista e speaker radiofonico di RTL 102. 5, Francesco Fredella, con una lunga intervista raccolta per il settimanale Chi. In particolare, quello fatto da Tecla Insolia ai microfoni di Fredella è sicuramente un accorato appello che riguarda il suo passato, il momento in cui è nata e una donna si è presa cura della madre tanto che lei ha voluto darle il suo nome.

Tecla Insolia rivela: “Parto doloroso per mia madre ma un’infermiera..”

In particolare, Tecla Insolia ha raccontato: “Mi chiamo Tecla e come secondo nome Marianna, ma dietro il mio nome c’è una storia magica. Quando sono nata all’ospedale di Varese al momento del travaglio mia mamma stava soffrendo molto. Un’infermiera si avvicinò a lei. Appena le posò la mano sulla pancia il dolore sparì. Dopo il parto voleva ringraziarla, ma non l’ha più vista. Da quando mia madre mi ha raccontato questa storia ci penso spesso. Mi piacerebbe conoscerla. Vorrei incontrarla, guardarla negli occhi, toccarle le mani come fece con mia madre quando stavo per nascere” – ha raccontato la voce delle Nuove Proposte di Sanremo 2020. Ad un anno esatto dal suo debutto a Sanremo 2020, dopo la vittoria a The Voice Junior, Tecla approda in tv nel film dedicato alla vita di Nada. Parlando proprio dell’interprete di “Ma che freddo fa” ha dichiarato: “Nada è la colonna portante della musica italiana degli anni ’70. Ho potuto ascoltare anche le sue canzoni grazie alla mia famiglia. Mi piacerebbe davvero essere come lei”. (Emanuele Ambrosio)



© RIPRODUZIONE RISERVATA