Teddy Reno e figli Rita Pavone/ “Siamo stati ostacolati come coppia, ma…”

- Emanuele Ambrosio

Teddy Reno e Rita Pavone: un grande amore che ha vinto il chiacchiericcio del tempo diventando una delle coppie più longeve del mondo della musica

Rita Pavone e Teddy Reno
Rita Pavone e il marito Teddy Reno

Teddy Reno e Rita Pavone: un grande amore che dura ancora oggi quello tra la regina della musica italiana e il noto produttore discografico. Tutto è iniziato nel 1962 quando una giovanissima Rita si presenta in gara al Festival degli sconosciuti di Ariccia, una manifestazione ideata proprio da Teddy Reno, sbaragliando la concorrenza e portandosi a casa la vittoria. Fatale l’incontro durante il Festival degli sconosciuti di Ariccia, anche se la loro storia non è vista di buon grado per via di una enorme differenza di età. Rita aveva soli 17 anni, mentre Teddy 36. Non solo, il produttore discografico era anche sposato con produttrice cinematografica Vania Protti da cui ha divorziato solo dopo l’entrata in vigore della legge sul divorzio.

Una storia che è stata spesso oggetto di chiacchiericcio e polemica con la coppia finita su tutti i giornali di gossip dell’epoca. Nonostante tutto e tutti però Teddy e Rita hanno sempre creduto nel loro amore e a distanza di 50 anni hanno avuto ragione loro. Nel 1968, anche se Teddy Reno non era ancora ufficialmente divorziato, i due scappano a Lugano in Svizzera dove si sposano in gran segreto. Successivamente celebrano nel 1976 le nozze civili ad Ariccia, la cittadina dove si sono conosciuti per la prima volta.

Teddy Reno e Rita Pavone: l’amore, il matrimonio e i figli

“Ho conosciuto tante donne in gioventù ma Rita è stata ed è l’unico grande amore della mia vita” ha detto Teddy Reno parlando della compagna di vita.  Il produttore guardando al passato ha aggiunto: “siamo stati ostacolati come coppia, infangati, ma oggi siamo ancora qui”.

Dall’amore tra Teddy Reno e Rita Pavone sono nati due splendidi figli: Alessandro e Giorgio Merk. Alessandro è un giornalista e vive a Ginevra, mentre Giorgio ha seguito le orme della madre lavorando come arrangiatore ed autore. Proprio per la madre ha scritto il brano “Resilienza (1974) che ha segnato il ritorno di Rita Pavone in gara al Festival di Sanremo 2020.



© RIPRODUZIONE RISERVATA