Terremoto Sicilia, M 2.8/ Ultime scosse Ingv: trema Santa Venerina, paura sull’Etna

- Emanuela Longo

Terremoto oggi in Sicilia: scossa di magnitudo 2.8 nella provincia di Catania. Paura sull’Etna, epicentro e ultime notizie INGV

terremoto sicilia ingv
Terremoto oggi in Sicilia

Paura oggi al Sud Italia per una nuova scossa di terremoto registrata in Sicilia. Il sisma non ha avuto entità elevata in quanto di magnitudo 2.8 della scala Richter ma a destare preoccupazione è stata la sua vicinanza all’Etna. Secondo quanto riferito nel pomeriggio di oggi dalla Sala Operativa INGV-OE di Catania, il terremoto è stato registrato alle ore 18.17 ed ha avuto le seguenti coordinate: 37.67 di latitudine e 15.13 di longitudine, ad una profondità di 8 km. L’epicentro è stato a soli 2 km a Sud Ovest di Santa Venerina, in provincia di Catania. Numerosi i comuni prossimi all’epicentro e che rientrano nella cosiddetta “zona rossa”: Santa Venerina, Zafferana Etnea, Milo, Aci Sant’Antonio, Viagrande, Trecastagni, Acireale, Aci Catena, Giarre, Aci Bonaccorsi, Sant’Alfio, Pedara, Riposto, Valverde. Tutti in provincia di Catania.  Il terremoto è stato localizzato a soli 7 km a Nord Ovest di Acireale ed a 19 km a Nord di Catania. Da Reggio Calabria, invece, i km sono stati 67.

TERREMOTO OGGI IN SICILIA, M 2.8

Nella giornata di oggi, 13 maggio, era stato registrato anche a Siena un terremoto di magnitudo simile a quello avvertito in Sicilia, ovvero pari a 2.7 gradi sulla scala Richter. Rispetto a quest’ultimo, quello registrato nel tardo pomeriggio ed avvertito anche sull’Etna rientra nelle serie di scosse che in questi giorni sono spesso registrate in Sicilia, in particolare nella zona orientale. Nessuno, tuttavia, è in grado di prevedere ulteriori scosse di entità simile o superiore all’ultima di oggi. Il sisma è stato comunque avvertito dalla popolazione dei centri abitati sul versante del vulcano, con tremori e boati durati pochi istanti in un raggio di 20 chilometri ma non sono stati evidenziati danni a cose e/o a persone. Il terremoto, spiega InMeteo.net è legato proprio all’attività vulcanica dell’Etna.



© RIPRODUZIONE RISERVATA