TG MEETING 2019/ Ed. 21 agosto: Moavero, Letta, Patton e Boccia

- Maria Pia Petraroli

La quarta giornata della kermesse riminese ha accolto ospiti d’eccezione, come Enzo Moavero Milanesi, Vincenzo Boccia e Annamaria Furlan

Boccia_Vincenzo_Due_Lapresse
Vincenzo Boccia (Lapresse)

La quarta giornata della kermesse riminese ha accolto ospiti d’eccezione, come Enzo Moavero Milanesi, ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, e incontri che hanno indotto alla riflessione, come quello su Europa e lavoro, cui hanno partecipato il presidente di Confindustria Vincenzo Boccia e la segretaria generale della Cisl Annamaria Furlan.

IL MINISTRO DEGLI ESTERI: PERCHÉ L’EUROPA NON PIACE?

Enzo Moavero Milanesi, che ha parlato ai microfoni del Tg Meeting, è stato oggi alla fiera per partecipare al convegno “Diritti, doveri. Europa: 1979-2019”. Il ministro degli Esteri ha ricordato alcune delle tappe fondamentali del percorso europeo fino ad arrivare alla forte disaffezione che si prova oggi nei confronti dell’Unione. Moavero ha sottolineato l’attuale urgenza dell’Europa di fare un salto di qualità. Un passo in avanti che deve essere fatto però sulla base di riforme in grado di rispondere alle nuove esigenze dei cittadini.

ENRICO LETTA: “NON VOGLIAMO DIVENTARE UNA COLONIA D’AMERICA!”

Allo stesso incontro è intervenuto anche Enrico Letta, presidente del Consiglio dei ministri dal 2013 al 2014 e ora presidente dell’Istituto “Jacques Delors”, che ha poi rilasciato un’intervista. Il docente si è soffermato a riflettere, insieme alla platea, sull’importanza e la necessità di un’Europa unita, un’Europa capace di difendere la propria identità e non rischiare di diventare in futuro una colonia dell’America o della Cina, le due grandi potenze mondiali al momento.

RICHARD GALLIGHER: “NO AI SOVRANISMI, SERVE DIALOGO” 

Un ulteriore intervento a questo dibattito è stato quello del segretario per i rapporti con gli Stati della Santa Sede, Monsignore Paul Richard Gallagher, anche lui intervistato dal Tg Meeting. Gallagher ha denunciato oggi i pericoli del sovranismo che, per sua natura, “tende a chiudersi e ad escludere quando, invece, il mondo ha bisogno di apertura, dialogo e collaborazione”.

BOCCIA, CONFINDUSTRIA: “NON CI INTERESSA IL GOVERNO MA LE SOLUZIONI AI PROBLEMI”

Nel servizio successivo si parla dell’incontro “L’Europa salverà il mondo?”, cui hanno partecipato Boccia e Furlan, insieme al professore di Sistemi Informativi Mario Mezzanzanica e Luca Visentini, segretario generale della Ces (Confederazione europea dei sindacati), con Sergio Luciano, direttore di Economy, a moderare. Boccia ha parlato della crisi di governo e della necessità di dare attenzioni alle questioni più urgenti ora in Italia. Furlan crede che ci sia bisogno di un cambiamento reale, con un governo autorevole e un programma vero.

PATTON: ESSERE CRISTIANI IN TERRASANTA

Altra intervista è quella rilasciata da Padre Francesco Patton, attuale custode di Terra Santa, che ha partecipato, nella giornata di lunedì 19 agosto, al convegno “San Francesco e il Sultano: l’eredità di un incontro che dura da 800 anni”. Patton ha affermato che il cammino della nostra vita, soprattutto in Medio Oriente, deve essere fatto con lo sguardo fisso su Gesù, cercando semplicemente di essere suoi discepoli.

SPETTACOLI IN FIERA: “FRANCESCO E IL SULTANO”

Tra gli eventi che il Meeting mette a disposizione dei visitatori ci sono anche gli spettacoli. E il servizio qui di seguito ne propone uno in particolare: “Francesco e il Sultano”, il racconto di uno degli incontri più importanti della storia, quello tra San Francesco D’Assisi e il Sultano d’Egitto Muhammad Al-Kamil. Un racconto in parole, musica e canto con la partecipazione della cantante Mirna Kassis, Valeria Khadija, attrice teatrale, e il musicista Fabio Mina, per la regia di Otello Cenci.

DA BAD BOYS A CHEF: FACCE DA MEETING

Il prossimo servizio racconta invece di un incontro che ha a oggetto l’integrazione a scuola e in cucina. Protagonisti i giovani della scuola di formazione professionale Dieffe di Valdobbiadene (Treviso), dove sono presenti studenti di 17 nazionalità, e il preside Alberto Raffaelli. A condurre è il giornalista Giorgio Paolucci. Si raccontano così le storie di ragazzi emarginati, cui viene data la possibilità di una svolta.

IL MEETING IN MOSTRA CON VACLAV HAVEL

Si prosegue con un pezzo sulla mostra “Il potere dei senza potere. Interrogatorio a distanza con Vaclav Havel”. Una mostra nella quale viene fatta una lunga intervista ad Havel; le domande vengono formulate oggi, ma le risposte vengono tratte liberamente dai suoi libri. Si scopre così, attraverso le sue parole e il suo pensiero, cosa può segnare davvero la vita di un popolo.

IL REGISTA ZANUSSI E QUEL THRILLER SUL SENSO DELLA VITA 

Infine l’intervista al regista, sceneggiatore e produttore cinematografico Krzysztof Zanussi, amico da sempre del Meeting. Zanussi si è detto contento del successo della manifestazione, che dura anche dopo tanti anni. Alla fiera ha presentato in anteprima un suo film, un thriller del 2018, dove parla del senso della vita e dello scopo dell’esistenza.



© RIPRODUZIONE RISERVATA