TG MEETING 2019/ Ed. 23 agosto: Tria, Giorgetti e i governatori delle Regioni

- Maria Pia Petraroli

Il penultimo giorno del Meeting di Rimini conta tra gli ospiti un gran numero di personalità di spicco della politica italiana

tria unioneeuropea lapresse1280
Il ministro dell'Economia, Giovanni Tria (LaPresse)

Il penultimo giorno del Meeting di Rimini conta tra gli ospiti un gran numero di personalità di spicco della politica italiana, come Giancarlo Giorgetti, sottosegretario alla presidenza del Consiglio dei Ministri, e Giovanni Tria, ministro dell’Economia; ma conta anche un gran numero di eventi e di spettacoli, come il concerto di Edoardo Bennato di ieri sera, che ha richiamato alla fiera moltissime persone.

IL MINISTRO TRIA: “I CONTI SONO IN ORDINE”

Il ministro dell’Economia e delle Finanze Giovanni Tria, che è stato a Rimini per partecipare a un dibattito sulle risorse e sullo stato del sistema economico italiano, ha rilasciato un’intervista ai giornalisti. Ha affermato che i conti italiani sono in ordine e che la legge di bilancio si può fare tranquillamente.

INTERGRUPPO: PROVE DI VERO DIALOGO

Uno degli incontri più attesi di questa sesta giornata di Meeting era quello dal titolo “Intergruppo sussidiarietà: le riforme istituzionali”, in  cui sono intervenuti Giorgetti, Graziano Delrio (Pd) e Mariastella Gelmini (Fi), il segretario di Articolo 1 Roberto Speranza, il deputato Gabriele Toccafondi e Maurizio Lupi, presidente dell’Intergruppo parlamentare per la Sussidiarietà. Tutti hanno salutato con parole di apprezzamento l’incontro e di conseguenza il Meeting, che anche quest’anno rappresenta un importante momento di confronto e ascolto nonostante la difficile situazione politica italiana.

<

L’APPELLO DEI GOVERNATORI AL NUOVO GOVERNO: PIÙ AUTONOMIA!

I protagonisti del prossimo servizio sono i governatori di Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lombardia, Sicilia e Liguria e il presidente della Provincia autonoma di Trento, che oggi hanno partecipato al convegno “Le regioni e l’autonomia differenziata”. Attilio Fontana in particolare ha ribadito che, qualunque sarà il Governo, continuerà a portare avanti la riforma che sostiene già da tempo: quella dell’autonomia, su cui però non tutti i governatori all’incontro si sono trovati d’accordo.

INTORNO ALLA LIBERTÀ RELIGIOSA: DIALOGO CON JAVIER PRADES

Ai microfoni del Tg Meeting ha parlato oggi anche Javier Prades Lopez, rettore dell’Università San Damaso di Madrid e sacerdote della diocesi della stessa città.  Ha partecipato nel primo pomeriggio a un incontro sulla libertà di religione, in occasione del quale ha sostenuto che è possibile arrivare a cogliere la verità dell’altro quando l’altro liberamente si svela e apre il suo cuore.

MEETING 2019, È TEMPO DI BILANCI: IL PUNTO DEL DIRETTORE FORLANI

Emmanule Forlani, direttore del Meeting di Rimini dal gennaio del 2019, è subentrato a Sandro Ricci, che dopo 40 anni, di cui 36 da direttore, ha deciso di intraprendere una nuova strada lavorativa. Nel servizio che segue Forlani fa un primo bilancio dell’evento di quest’anno: positività, speranza e costruzione sono ancora una volta al centro della manifestazione.

VIAGGIO TRA GLI “INVISIBILI” DEL MEETING: I “RAGAZZI” DELLA RISTORAZIONE

Molti dei volontari della fiera si occupano della ristorazione. Nel servizio qui di seguito viene fatto un racconto dei ragazzi che lavorano al ristorante bergamasco “Il Caravaggio”: arrivano da diverse parti del mondo, ma tutti con il solo scopo di creare legami e storie di amicizia.

MEETING IN MOSTRA: “BOLLE, PIONIERI E LA RAGAZZA DI HONG KONG”

Si prosegue con una delle 19 mostre presenti al Meeting quest’anno: “Bolle, pionieri e la ragazza di Hong Kong”. L’esposizione porta il visitatore al cuore dell’esperimento americano attraverso installazioni immersive che raffigurano diversi soggetti, dai pionieri del West agli astronauti dell’Apollo 11, dalle Torri Gemelle alle gang delle periferie di Los Angeles.

UNO SGUARDO ALLA CATTEDRALE DI MONREALE E I SUOI MOSAICI A RIMINI

Un’altra esposizione che il Tg Meeting ha ripreso è quella dal titolo “Si aprì una porta nel cielo. La cattedrale di Monreale”. Si tratta di un percorso che documenta il patrimonio artistico e religioso del Duomo di Monreale, con l’obiettivo di riportare alla luce l’utilizzo pratico, liturgico, che veniva riservato ai mosaici e alle decorazioni presenti all’interno della struttura.

IN FIERA “SOLO COSE BELLE”

“Solo cose belle” è il nome del film proiettato ieri sera in Sala Neri UnipolSai. Quella che viene raccontata è la storia di una popolare ragazza sedicenne, Benedetta, figlia del sindaco di un paese dell’entroterra di Rimini, e del suo incontro con una casa famiglia stravagante. Di quest’ultima infatti fanno parte un papà, una mamma, un extracomunitario appena sbarcato, una ex-prostituta, un carcerato, due ragazzi con gravi disabilità, un bimbo in affido e un figlio naturale. Tg Meeting ha intervistato il regista Kristian Gianfreda.

SUSSIDIARIETÀ E LAVORO: IL PERCHÉ DI UN SUCCESSO

La fiera che ogni anno ospita stand, mostre e convegni è suddivisa in diversi spazi e uno di questi è l’“Area Sussidiarietà e Lavoro”, dedicata alle sfide sociali ed economiche con cui avremo a che fare nei prossimi anni. Questa è a sua volta suddivisa in tre aree, una dedicato alla sostenibilità, un’altra al lavoro, un’altra ancora alla formazione.

IMPRENDITORI AL MEETING: SCOPRIAMO FABIO MARABESE

Tra le interviste rilasciate a Tg Meeting c’è anche quella di Fabio Marabese, presidente di Seingim, una società d’ingegneria multidisciplinare che si occupa di risolvere problematiche relative ad attività di ingegneria impiantistica. I sei settori nei quali opera quest’azienda sono: oil & gas; petrolchimica, chimica e farmaceutica; edifici; infrastrutture; energia; ricerca e sviluppo industriale.

EDOARDO BENNATO E QUEL FEELING COL POPOLO DEL MEETING 

Nell’ultimo servizio vengono riportati alcuni momenti del concerto di Edoardo Bennato, che ieri sera si è esibito con la sua band nell’Auditorium Intesa Sanpaolo. Per ben due volte in passato, nel 1993 e nel 1995, il cantautore era salito sul palco del Meeting, manifestazione che lui stesso ha definito come “luogo di raccoglimento, confronto e spazio libero”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA