THE ITALIAN JOB/ Il remake di Un colpo all’italiana compie 20 anni

- Carmine Massimo Balsamo

The Italian Job di F. Gary Gray ritorna con un inedito formato 4K e una pregiata Steelbook a venti anni dall’uscita in sala

the italian job (Una scena del film)

Sono pochi i remake americani in grado di onorare al meglio il film originale e in questo elenco possiamo inserire The Italian Job di F. Gary Gray, rifacimento del film Un colpo all’italiana del 1969 di Peter Collinson con Michael Caine. Diversi pregi, pochi difetti e tanta azione: così l’opera targata Paramount Pictures è riuscita a lasciare il segno. E ora ritorna con un inedito formato 4K e una pregiata Steelbook a venti anni dall’uscita in sala grazie a Plaion Pictures: un’occasione da non perdere.

SINOSSI – Il genio del crimine Charlie Croker e la sua squadra mettono a segno un colpo miliardario rubando 35 milioni di dollari in lingotti d’oro da un palazzo in Italia. Ma qualcuno tra loro fa il doppiogioco, così ruba il malloppo alla sua stessa squadra, uccide il loro mentore John Bridger e scompare nel nulla. Con un pugno di mosche in mano, i membri rimasti del gruppo ora vogliono vendetta, costi quel che costi. Quando riescono a localizzare il loro ex compagno a Los Angeles, chiedono l’aiuto dell’unica persona che possa sostituire il loro ex capo John: sua figlia Stella che, nonostante non sia una criminale, è determinata quanto loro a portare a termine la missione. Insieme organizzeranno un folle e azzardato piano che bloccherà l’intera città e permetterà loro di rimettere le mani sull’oro e vendicare l’amico scomparso.

The Italian Job non si limita ad essere un mero rifacimento e sceglie di mantenere solo qualche carattere di Un colpo all’italiana. Grande gestione della tensione tra intrighi e twist ma anche dei tempi comici, mentre i dialoghi non sempre sono all’altezza e anche alcune scelte di regia lasciano perplessi. A fare la differenza è soprattutto la parte finale, adrenalina allo stato puro. A completare il quadro un cast in grado di fare la differenza: da Mark Wahlberg a Charlize Theron, da Jason Statham a Edward Norton, fino a Seth Green, Mos Def e Donald Sutherland. Infine menzione necessaria per la colonna sonora, con i Velvet Revolver che hanno composto una cover di Money dei Pink Floyd appositamente per il film.







© RIPRODUZIONE RISERVATA

Ultime notizie di Film e Cinema

Ultime notizie