Tonino Cripezzi, come è morto leader dei Camaleonti/ Malore in hotel dopo un concerto

- Chiara Ferrara

Tonino Cripezzi, leader dei Camaleonti, è stato rinvenuto privo di vita in un hotel a 76 anni: come è morto? Un malore a stroncarlo.

I Camaleonti in una foto d’epoca
I Camaleonti (Foto: Wikipedia)

Tonino Cripezzi, il leader dei Camaleonti, è stato ritrovato privo di vita nella camera di un hotel in provincia di Chieti questa mattina: come è morto? Le cause non sono ancora state appurate, ma fino a ieri sera le sue condizioni di salute non avevano destato alcun sospetto. Il musicista e cantante, come riportato da La Repubblica, si era infatti esibito in concerto al Parco di Villa de Riseis a Pescara e successivamente si era intrattenuto a cena con alcuni fans, prima di tornare in albergo a San Giovanni Teatino. Lì è stato rinvenuto il suo corpo poche ore fa.

La cause della morte, in base a quanto emerso finora, sarebbero naturali. È plausibile che il settantaseienne abbia avuto un malore nella notte. A trovare il cadavere sono stati questa mattina gli altri membri della band, che hanno immediatamente i soccorsi. I medici del 118, tuttavia, non hanno potuto fare altro che constatare il decesso.

Tonino Cripezzi, come è morto leader dei Camaleonti: a trovare il corpo i membri del gruppo

A distanza di alcune ore dalla triste notizia ancora in tanti si domandano come è morto Tonino Cripezzi, leader dei Camaleonti: increduli i fans che lo avevano incontrato poco prima e che erano rimasti incantati dalla sua esibizione al Parco di Villa de Riseis a Pescara. Innumerevoli dunque i messaggi di cordoglio, da colleghi e non solo.

“Il mio caro amico di una vita Tonino Cripezzi se ne è andato nel sonno. Non posso crederci, sono sconvolto dal dolore. Tornano in mente i bei momenti vissuti insieme che terrò sempre nel mio profondo caro amico”, questo quanto scritto dal fondatore ed ex componente della band Mario Lavezzi. “La vita è un viaggio meraviglioso per chi costruisce e non distrugge, e Tonino Cripezzi è riuscito a costruire sogni ed emozioni con la sua formidabile, inconfondibile voce. I Camaleonti sono il mio gruppo italiano anni ’60 preferito, ho i loro dischi qui a casa, e questa scomparsa mi rattrista molto. Tonino se n’è andato nel sonno, dopo un suo concerto a Pescara”, ha scritto invece Tiziano Caliendo.







© RIPRODUZIONE RISERVATA