ULTIME NOTIZIE/ Ultim’ora oggi Mestre, rissa fra mamme all’asilo: una in ospedale

- Silvana Palazzo

Ultime notizie, ultim’ora oggi. Clamorosa rissa fra mamme fuori dall’asilo a Mestre: una donna in ospedale (31 ottobre 2019)

Ospedale Cardarelli
Polizia, immagini repertorio (LaPresse)

Una rissa fra mamme è avvenuta stamane a Mestre, fuori da un asilo. La notizia, come riferiscono i colleghi di TgCom24.it, vede come protagonista in negativo due donne, che mentre stavano aspettando l’uscita dei figli dalla scuola se le sono date di santa ragione. Tutta colpa di una chat su WhatsApp, in cui erano volati insulti, e dalle parole si è passati ai fatti. Una donna di 31 anni originaria di Mestre ha avuto la peggio, finendo ricoverata in ospedale dopo che la stessa è stata presa a calci e pugni da una 30enne originaria di Cuba. Pare che la figlia di una delle due avesse raccontato di essere stata picchiata dalla figlia dell’altra, di conseguenza le due 30enni hanno iniziato a discutere animatamente su WhatsApp per poi darsi appuntamento l’indomani davanti alla scuola. Fra i genitori attoniti sono partite le accuse reciproche e le botte, fino a che non è arrivata la polizia che ha riportato la calma. (aggiornamento di Davide Giancristofaro)

Ultime notizie, mozione Segre, centrodestra si astiene

Il Senato ha dato il via libera alla creazione di una commissione straordinaria per il contrasto dei fenomeni di intolleranza, razzismo, antisemitismo e istigazione all’odio e alla violenza. La mozione è stata proposta da Liliana Segre, senatrice a vita a cui l’assemblea ha tributato una standing ovation. Nessun voto contrario: 152 quelli a favore, 98 gli astenuti tra le fila del centrodestra, una scelta che ha sollevato polemiche. «Al Senato è andata in scena la vergogna, inaccettabile, dell’astensione di tutto il centrodestra sulla proposta di Liliana Segre per istituire una commissione sui discorsi d’odio nel web, il comportamento del centrodestra rimarrà una macchia indelebile per la nostra storia parlamentare», il commento di Emanuele Fiano del Partito democratico. Critica anche Mara Carfagna, vicepresidente della Camera: «La mia FI non si sarebbe mai astenuta, stiamo tradendo i nostri valori».

ULTIME NOTIZIE, SBARCO A POZZALLO DEI MIGRANTI DELLA OCEAN VIKING

La Ocean Viking è sbarcata al porto di Pozzallo portando in salvo 104 migranti, dopo 12 giorni di trattative con il Viminale. Tra i migranti sbarcati ci sono 41 minori, di cui 14 hanno meno di 15 anni. Una volta terminati i controlli sanitari, i migranti sono stati trasportati con un pullman in direzione dell’hot spot di Pozzallo, per essere poi trasferiti. In base al pre-accordo raggiunto nel corso del vertice di Malta, Francia e Germania ne accoglieranno 70. «Per le ong ricominciLa Ocean Viking sbarca a Pozzallo, la Alan Kurdi è in area sar italiana, la Open Arms in area sar maltese: dopo l’invito al Viminale, le ong si scatenano. Ricomincia la pacchia, grazie al governo sbarchi, tasse e manette. Sindaci e governatori della Lega sono pronti a dire No all’arrivo di altri clandestini», il commento del leader della Lega, Matteo Salvini.

ULTIME NOTIZIE, INCENDI IN CALIFORNIA

È stato dichiarata l’emergenza in California per gli incendi dei boschi che stanno interessando Los Angeles, Ventura e San Bernardino. I venti, che sfiorano i 120 km orari, hanno paralizzato i tentativi dei vigili del fuoco di spegnere con ogni mezzo gli incendi. Sono state attivati provvedimenti d’urgenza al museo più famoso della California, il Getty Center, in seguito all’incendio divampato sull’autostrada 405. A causa dei nuovi incendi le autorità competenti hanno imposto l’interruzione temporanea dell’energia elettrica e di gas. Le persone che subiranno disagi saranno più di 2 milioni di persone. Invece non si possono calcolare i danni provocati dalle fiamme. A Los Angeles si è provveduto a far evacuare più di sette mila case a causa del propagarsi degli incendi. Il fuoco ha bruciato più di 30 mila ettari di terreno e danneggiato più di 189 abitazioni. I vigili del fuoco hanno saputo domare le fiamme solo al 15%.

ULTIME NOTIZIE, BRASILE DICHIARA GUERRA AI NARCOTRAFFICANTI

La polizia militare a Manaus ha aperto il fuoco contro i narcotrafficanti. Sono stati uccisi 17 spacciatori, questo al momento il bilancio del conflitto a fuoco con la polizia militare brasiliana, ma il numero è destinato a salire. Secondo le ultime indagini i narcotrafficanti appartengono alla “famiglia del Nord”, una delle famiglie più potenti che detengono il traffico di droga. Nonostante gli scontri a fuoco violenti nessun agente di polizia è stato ferito. Non si esclude nei prossimi giorni altri conflitti a fuoco per scacciare dal territorio i narcotrafficanti armati. Circa 50 uomini armati infatti hanno provato a prendere il controllo di alcuni sobborghi nella zona meridionale di Manaus. All’arrivo dei poliziotti hanno aperto il fuoco ingaggiando una violenta sparatoria.

ULTIME NOTIZIE, TRUMP-ZELENSKY: TELEFONATA INCOMPLETA

Il colonnello Alexander Vindman – massimo esperto di Ucraina nel National Security Council – ha ribadito alla Camera, sotto giuramento, che la trascrizione della telefonata fatta da Trump a Zelensky è incompleta. Di fatto mancherebbero delle parole cruciali che determinerebbero la responsabilità del presidente degli Stati Uniti. La trascrizione della della telefonata si risolverebbe in un breve testo composto da appunti, semplici ricordi di collaboratori del presidente, di valutazioni personali. Vindman ha precisato al New York Times che il tentativo di aggiungere delle frasi schiaccianti per il presidente è fallito. Tutti i testimoni presenti al fatto hanno discolpato Trump, nonostante il partito democratico avesse tentato di richiamare sole delle frasi a lui sfavorevoli.

© RIPRODUZIONE RISERVATA