VIDEO BLOGGER SMASCHERA TRUFFA STAMPE AD OLIO A FIRENZE/ Poi le botte in pieno centro

- Dario D'Angelo

Harald Baldr, blogger norvegese, picchiato da 3 nordafricani a due passi dal Duomo a Firenze dopo aver smascherato la loro truffa delle stampe ad olio.

blogger truffa stampe ad olio 2019 youtube
Blogger smaschera truffa stampe ad olio (foto Youtube)

Harald Baldr ha smascherato la truffa delle stampe ad olio che giornalmente viene perpetuata a Firenze. Nel farlo, però, il blogger norvegese è stato picchiato per due volte da 3 nordafricani, infastiditi dal fatto che il giovane stesse riprendendo il tutto con un video. Il sistema messo in atto dai malfattori è semplice: i truffatori stendono in pieno centro dei dipinti facendo finta di venderli. Quando qualche turista, per sbaglio o distrazione, finisce per calpestarli, ecco che subito chiedono un risarcimento. E’ proprio quello che è accaduto ad un uomo dai tratti orientali mentre Harald stava girando un video della città. Quando il norvegese è intervenuto, i 3 nordafricani si sono scagliati contro di lui: il tutto in pieno centro e in pieno giorno, in via dei Calzaiuoli, a pochi passi dal Duomo.

BLOGGER SMASCHERA TRUFFA STAMPE AD OLIO A FIRENZE

Quando i tre malfattori si sono allontanati per non avere altri problemi, il blogger norvegese si è recato in piazza Duomo per informare una pattuglia dell’accaduto. La difficoltà a comunicare in lingua inglese degli agenti è stata subito evidente, al punto che nei commenti sotto al post pubblicato da Harald sul suo canale YouTube sono state moltissime le critiche relative a questo aspetto. I poliziotti sono stati poco reattivi, tardando a comprendere quel che era accaduto e a cercare di risalire agli aggressori. Ma forse il punto è un altro: se anche i tre fossero stati rintracciati, si può affermare con certezza che sarebbero stari arrestati e portati in carcere? La risposta è no. A storcere il naso è anche il presidente della Confcommercio Firenze, Aldo Cursano, che a La Nazione ha dichiarato: “E’ assurdo quanto successo e a rimetterci è l’immagine di Firenze nel mondo. Non si può più aspettare, bisogna intervenire prima che le conseguenze siano disastrose”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA