VITO DELL’AQUILA CHI È?/ Medaglia d’Oro a Tokyo “20 anni: una lunga carriera davanti”

- Mauro Mantegazza

Vito Dell’Aquila, ecco chi è il primo campione olimpico italiano del Duemila, la breve incursione nel corso della puntata di Domenica In

Vito Dell'Aquila
Vito Dell'Aquila (foto: Italia Team da Facebook)

Il giovanissimo Vito Dell’Aquila, medaglia d’Oro alle Olimpiadi, è intervenuto oggi brevemente, nel corso della trasmissione di Rai1, Domenica In, per fare una bellissima sorpresa a Claudia Gerini, appassionata di Taekwondo. Con sé ha portato un cesto pieno di cibi tipicamente pugliesi, sua terra di origine, oltre al kimono usato nella sua disciplina, sia per l’ospite ed attrice che per la padrona di casa.

Il giovane atleta ha spiegato che la medaglia, molto pesante, non è in realtà di vero oro ma è realizzata con gli scarti dei dispositivi elettroni e successivamente placcata in oro. Infine, prima di congedarsi, con grande emozione ha commentato: “Sono molto felice di aver vinto questa medaglia a Tokyo, ho vent’anni e quindi ancora una lunga carriera davanti, speriamo!”. Non poteva mancare l’augurio da parte di Mara Venier e della Gerini in vista di un futuro roseo per Vito. (Aggiornamento di Emanuela Longo)

VITO DELL’AQUILA A DOMENICA IN

Vito Dell’Aquila sarà ospite oggi pomeriggio a Domenica In, la storica trasmissione di Rai Uno che dunque vedrà come protagonista oggi un atleta che ha scritto davvero una pagina di storia, essendo il primo millennial (cioè nato dal 2000 in poi) a vincere una medaglia d’oro alle Olimpiadi per l’Italia, conquistando tra l’altro quello che fu il primo titolo olimpico per la spedizione dell’Italia ai Giochi di Tokyo 2020 nel taekwondo, categoria -58 kg maschili.

La vita è cambiata per il giovane Vito Dell’Aquila sabato 24 luglio 2021: nel taekwondo (arte marziale coreana), come da prassi negli sport di combattimento alle Olimpiadi, ogni categoria gareggia in un solo giorno, dai primi turni sino alla finale, naturalmente per chi arriva fino in fondo. Dunque il cammino di Vito Dell’Aquila era cominciato sconfiggendo agli ottavi il magiaro Omar Salim per 26-13, ecco poi il successo ai quarti per 37-17 contro il thailandese Ramnarong Awekwiharee per entrare in zona medaglie. Il successo in semifinale contro l’argentino Lucas Guzman per 29-10 ha infine spalancato ai pugliesi la porta della finale, vinta con un emozionante 16-12 contro il tunisino Mohamed Khalil Jendoubi.

VITO DELL’AQUILA, ORO NEL TAEKWONDO ALLE OLIMPIADI TOKYO 2020: CHI È?

Il successo a Tokyo ha naturalmente acceso i riflettori su Vito Dell’Aquila, che è nato il 3 novembre 2000 a Mesagne, località della Puglia in provincia di Brindisi che è molto legata al teakwondo, perché proprio a Mesagne è nato anche Carlo Molfetta, che nello stesso sport fu campione olimpico a Londra 2012. La passione per il taekwondo ebbe origine a soli otto anni per Vito Dell’Aquila, che poi è approdato al Centro Sportivo Carabinieri per cui compete dal 2018, senza perdere di vista la carriera scolastica dal momento che si è diplomato al liceo scientifico “Ferdinando” di Mesagne.

Nel 2017 il giovanissimo Vito Dell’Aquila si impose all’attenzione generale con la medaglia di bronzo ai Mondiali a Muju, in Corea del Sud. Bronzo anche agli Europei 2018 a Kazan, in Russia, mentre nel novembre 2019 ha conseguito la vittoria del titolo europeo nei -58 kg a Bari, nella sua Puglia, che gli ha regalato il pass a cinque cerchi. L’attesa per le prime Olimpiadi della sua vita è durata un anno in più a causa del Coronavirus, ma alla fine Vito Dell’Aquila ha coronato il suo sogno nel migliore dei modi. Prima di diventare magari giornalista, che sarebbe il suo sogno in ambito lavorativo, naturalmente anche per far conoscere di più il taekwondo.



© RIPRODUZIONE RISERVATA