Vittoria Puccini, David di Donatello/ “Tanta emozione per 18 regali”

- Hedda Hopper

Vittoria Puccini ottiene la nomination come Miglior attrice protagonista ai David di Donatello “Tanta emozione per 18 regali”

Vittoria Puccini
Vittoria Puccini

Una nomination come Miglior attrice protagonista. Questo è quello che porterà Vittoria Puccini sul palco dei David di Donatello questa sera su Rai1 e non poteva essere altrimenti. Proprio a poche ore dell’arrivo del film su Netflix, l’attrice questa sera calcherà il palco di una cerimonia importante e i fan sono pronti a sostenerla, anche questa volta, perché sicuramente 18 Regali è un film importante, intenso e drammatico che ha saputo conquistare il pubblico, anche quello della piattaforma streaming.

Vittoria Puccini è stata protagonista del film di Francesco Amato calandosi nei panni di una vicenda che rilegge in chiave fantasy e originale la vera storia di Elisa Girotto, la mamma trevigiana che nel 2017 commosse l’Italia. Lei stessa all’epoca ha ammesso di essersi lasciata andare tanto: “Ci sono state giornate molto impegnative emotivamente, in cui veramente arrivavi a sera svuotato. Ma anche per questo è stata una esperienza meravigliosa, e coinvolgente. Però dovevamo anche mantenere un minimo di controllo. Se ti fai sopraffare, poi perdi il senso di quello che stai facendo. E da professionista non puoi permettertelo”.

Vittoria Puccini, David di Donatello candidata come Miglior attrice protagonista: “Tanta emozione per 18 regali”

Vittoria Puccini sicuramente non ha bisogno di presentazioni perché chi non la ricorda nella fiction che l’ha lanciata, Elisa di Rivombrosa, sicuramente lo farà per i suoi lavori più recenti, come Il Processo su Canale5 o La Fuggitiva su Rai1, serie che ha ottenuto già la promozione per una seconda stagione. Prima di tornare sul set, però, l’attrice, ex di Alessandro Preziosi, dovrà superare la prova che la attende questa sera con la speranza di portare a casa una statuetta che sicuramente è meritata alla luce del successo del film e non solo come pubblico ma anche come critica.



© RIPRODUZIONE RISERVATA