BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

COMPLOTTO PAPA/ Brunelli: da Il Fatto Quotidiano uno "scoop" riuscito male

Il Fatto Quotidiano ha pubblicato un documento riservato in cui si parlerebbe di un complotto per uccidere il Papa. Secondo LUCIO BRUNELLI uno scoop fatto male senza fondamenta

Foto InfophotoFoto Infophoto

Il complotto per uccidere il Papa? “Uno scoop riuscito male” secondo Lucio Brunelli, vaticanista del Tg2, contattato da IlSussidiario.it, quello che Il Fatto Quotidiano ha sparato in apertura dell'edizione di oggi, anticipandolo ieri sera durante la trasmissione Servizio Pubblico. "Non solo il cardinale Romeo non parla mai di un complotto in quel documento” ci dice Brunelli “ma è ridicola la lettura che fa Il Fatto quando dice che il documento è stato scritto in tedesco perché lo potesse capire solo il Papa. Si può credere che in Vaticano solo il Papa conosca il tedesco? In realtà – abbiamo appreso – l’appunto è scritto in tedesco perché a redigerlo è stato un amico tedesco del cardinale Castrillòn”. Per Brunelli la vera domanda da porsi alla luce di queste e altre recenti ‘rivelazioni’ è un'altra: “Chi è la talpa all'interno del Vaticano che fa uscire certi documenti e perché lo fa”.

Brunelli, sembra che il documento riportato dal Fatto sia autentico.

Certamente, il documento è autentico. Si tratta di un appunto riservato che il cardinale Castrillòn ha inviato al Papa tramite la segreteria di Stato poche settimane fa.

Qual è la sua opinione su questo documento e ritiene giusto che sia stato pubblicato?

C’è una evidente forzatura giornalistica nel modo in cui Il Fatto ha riportato la notizia. Leggendo il documento infatti si vede che lo stesso cardinale Romeo in realtà non parla mai di un complotto per uccidere il Papa. Si sarebbe piuttosto lasciato andare a considerazioni, decisamente poco opportune, sulle aspettative di vita del Papa: massimo un anno ancora di vita…   

Mentre invece Il Fatto si concentra sul complotto per uccidere il Papa.

Il presunto complotto sarebbe una deduzione dei misteriosi interlocutori cinesi. Ciò che resta sono delle chiacchiere, chiacchiere curiali, di un cardinale che forse per accreditarsi con i suoi interlocutori fa vedere di saperla lunga; riferisce di dissapori fra il papa e il cardinale Bertone; attribuisce addirittura a Benedetto XVI l’intenzione di ‘scegliere’ il suo successore, anzi di averlo già individuato. Si tratta di chiacchiere riferite di terza o quarta mano. Questo colloquio viene riferito al cardinale Castrillòn da un amico tedesco che non era presente, e che a sua volta avrebbe ricevuto queste notizie non direttamente dal cardinale Romeo ma da qualcuno dei suoi non identificati interlocutori. Insomma, molti, troppi passaggi...

Oltre al complotto si parla anche di questa sorta di triade al potere, composta dallo stesso Romeo, dal cardinale Scola e dal Papa, della sua successione e di contrasti con il segretario di Stato Bertone.

Ancora chiacchiere, appunto. Questa triade appare cosa molto fantasiosa. Credo si possa dubitare anche del fatto che il Papa abbia ‘scelto’ il suo successore; i papi non sono scelti dai predecessori ma eletti a scrutinio segreto dai cardinali riuniti in conclave. Anche a riguardo del cardinale Bertone, non è un mistero che sia poco stimato da alcuni alti ecclesiastici, fuori e dentro il Vaticano; resta il fatto che Benedetto XVI gli ha confermato più volte la sua fiducia. Rimane in piedi una domanda, anche alla luce di recenti e ormai frequentissime fughe di notizie dal Vaticano: chi è questa talpa e perché fa uscire questi documenti riservati.