BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

MANOVRA/ La "fiera delle tasse" che mette in crisi l'Italia

Pubblicazione:lunedì 18 novembre 2013

Infophoto Infophoto

Il dibattito sulla Legge di stabilità ha preso una brutta piega: la lettura delle cronache sui giornali, e ancora di più quella dei resoconti sommari parlamentari, danno l’impressione che in Senato sia in atto una vera e propria “fiera delle tasse” con scambi tra favori e penalizzazioni fiscali (per tassa si intendono anche imposte, accise, canoni e quant’altro). Destinata a ripetersi alla Camera dei Deputati. Tanto più che nessuno pare temere l’esercizio provvisorio, che potrebbe anzi essere il pretesto per prorogare equilibri fragili e ostacoli. Si può controbattere che la “fiera delle tasse” è sempre esistita: ne parla Cicerone nella Catilinarie e i Founding Fathers (Padri Fondatori) degli Stati Uniti coniarono il termine pork barrel per indicare la quantità di carne di maiale che nel New England rurale si usava dare al parlamentare che perorava una causa vicina agli interessi (anche legittimi) dell’offerente.

Tuttavia, questa volta, lo spettacolo è davvero brutto: con e-mail riprodotte sui giornali, legioni di lobbysti che bivaccano nei dintorni di Palazzo Madama, proposte monetarie che paiono circolare nei corridoi del potere, altri burocrati che sarebbero pure loro coinvolti nella “fiera”. Lo spettacolo è desolante. Incoraggia l’anti-politica, i movimenti e i partiti anti-sistema, deprime le persone oneste e, soprattutto, spinge le fasce migliori dei giovani (in termini di professionalità e di entusiasmo) a cercare la strada per l’estero.

C’è, però, un aspetto forse ancora più grave: la “fiera delle tasse” in Parlamento si sta svolgendo senza tenere conto che a livello mondiale è in atto, da circa trent’anni, un’altra ben più profonda “fiera delle tasse”. Mentre gli Stati nazionali (o aree come l’Unione europea) si illudono di essere i depositari della “potestà fiscale” (com’è stato dalla “pace di Westfalia” alla fine del secolo scorso), l’integrazione economica internazionale ha drasticamente indebolito proprio questo loro aspetto e funzione.

Nel 1991, Giulio Tremonti (allora non ancora entrato in politica) e Giuseppe Vitaletti lo dimostrarono in un libro edito da Il Mulino e intitolato, per l’appunto, “La Fiera delle Tasse”: sempre di più i soggetti individuali e collettivi (ossia le persone e le imprese) possono scegliere il sistema tributario a loro più confacente; tutti sappiamo di persone e individui che si “delocalizzano” per avere un regime tributario più favorevole. Il libro di Tremonti e Vitaletti indicava anche una strada: spostare l’imposizione dai soggetti (persone e imprese) alle cose. Ne articolavano la strategia.


  PAG. SUCC. >