BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

LA STORIA/ 1. Ruanda, la fuga di Aldo

Pubblicazione:domenica 6 aprile 2014

bambini_Africa (infophoto) bambini_Africa (infophoto)

Sono passati vent’anni dal terribile genocidio del Ruanda. Oggi il Paese è in una fase di crescita economica, gran parte della popolazione ruandese, però, si trova ancora a fare i conti con le conseguenze di quel conflitto che passò alla storia come il più terribile esempio di genocidio.

Fondazione AVSI, che proprio nel 1994 ha iniziato il suo lavoro al fianco delle popolazioni ruandesi, oggi opera in tutto il Paese nei settori educativo e sanitario, a cominciare dai bambini, sin dal principio al centro del lavoro di AVSI in Ruanda.

Ecco la testimonianza di Aldo, che all’epoca aveva pochi mesi: egli fu costretto a fuggire tra le braccia di sua madre, e successivamente incontrò AVSI.

E’ stato qualche anno dopo la fine del genocidio che AVSI intervenne in aiuto di Aldo, un ragazzo ruandese oggi poco più che ventenne. Andava alle elementari quando entrò nel programma di sostegno a distanza che gli permise di andare a scuola e di avere una vita migliore e dignitosa, nonostante i terribili giorni del genocidio, vissuti insieme alla madre in fuga e nel terrore.

Gli assistenti sociali mi diedero una grande mano – racconta Aldo del suo incontro con AVSI - Grazie a loro ho avuto un supporto tangibile e la forza di andare avanti, studiare e costruire il mio futuro. Ma non solo, grazie a loro, alle attività insieme agli altri miei compagni, è cresciuta la mia consapevolezza sul vero valore della vita. Ora sento di avere i mezzi necessari ad andare avanti per la mia strada da solo, costruirmi un futuro di unità e riconciliazione per me e la mia terra. Per me, le commemorazioni del genocidio coincidono con il mio primo passo verso un futuro migliore”.

Emerithe, la madre di Aldo, racconta i giorni del genocidio, quando suo figlio aveva solo pochi mesi e furono costretti a scappare e a rifugiarsi nella foresta.

 “Le stragi sono iniziate subito dopo l’abbattimento dell’aereo del presidente Habyarimana - Ricordo che all’epoca vivevamo a Murambi e che proprio quel giorno venne a trovarci il nostro vicino. Il suo atteggiamento verso di noi era cambiato improvvisamente, era scomparsa la sua solita gentilezza. Non ci fece mai nulla di male, ma il suo comportamento diventò grosso motivo di preoccupazione per noi, non ci sentivamo più al sicuro, nonostante avessimo l’illusione che saremmo stati protetti da quelli che fino ad allora pensavamo essere nostri amici.”.


  PAG. SUCC. >