AUTORI / Vincenzo Rizzo

Vincenzo Rizzo è nato a Cosenza nel 1958. Dottore di ricerca in Filosofia, docente nelle scuole superiori, è membro del Gruppo di ricerca Prologos. Si è laureato all’Università della Calabria con una tesi su "Libertà e nichilismo in Dostoevskij". Ha effettuato diversi soggiorni di studio a Mosca, curando una voce filosofica per il Dizionario Enciclopedico Globalistika, promosso dall’Accademia Russa delle Scienze. Ha pubblicato il saggio "Nella Pace del Nome: il Breve Racconto dell’Anticristo di Solov’ëv" nel volume a cura di F. Bonicalzi, "Pensare la pace", Jaca Book, Milano, 2011. Un suo saggio su "Il ritorno di Cristo nella filosofia religiosa russa" è uscito nella rivista Communio, numero 231, gennaio/febbraio-marzo 2012. Ha pubblicato, inoltre, il volume monografico "Vita e razionalità in Pavel A. Florenskij", Jaca Book, Milano, 2012. Ha partecipato al Convegno italo-russo sul Dialogo tra le Civiltà all’Università Lomonosov di Mosca su «Multiculturalismo, Universalismo, Destino» tenuto a Mosca il 23-24 maggio 2013. Ha curato la prefazione alla nuova edizione di V.S. Solov’ëv, "Sulla Divinoumanità e altri scritti", Jaca Book, Milano, 2017. Ha partecipato inoltre al Convegno internazionale di Cagliari su Florenskij del 25-26 settembre 2017. Ha scritto il saggio "Smerdjakov: il male nascosto" nel volume "Dostoevskij. Abitare il mistero", a cura di F. Bergamino, Edusc, Roma, 2017. Ha curato l’introduzione al volume di S.L. Frank, "L’Inattingibile. Verso una filosofia della religione", Jaca Book, Milano, 2019. La sua ricerca verte attualmente sul rapporto tra Mistero, destino e salvezza nel pensiero di Dostoevskij. Feed Rss

TUTTI GLI ARTICOLI