AMADEUS, SANREMO 2020/ “Il voto sarà diverso. Su conduttori e ospiti…”

- Carmine Massimo Balsamo

Erede di Claudio Baglioni, Amadeus è pronto a condurre il Festival di Sanremo 2020: “Per me è l’apice di una carriera. Voto? Piccole sorprese…”

Amadeus a "Domenica In"
Amadeus a "Domenica In" (Rai, 2020)

Ospiti, conduttori e voto: tra “melina” e novità, inizia il cammino di avvicinamento a Sanremo 2020. Amadeus, direttore artistico e conduttore della 70° edizione del concorso canoro più noto d’Italia, è intervenuto ai microfoni di Un giorno da pecora su Rai Radio 1 ed ha sottolineato: «Non è mica tanto lontano: è a febbraio, certo, ma io ho tutti i giorni “I soliti ignoti” e mi devo dividere tra la preparazione di Sanremo 2020 e questo programma». Dopo le polemiche della scorsa edizione, ci saranno dei cambiamenti per quanto concerne il voto: «Poi saprete: vi dirò chi vota, ma ora non posso svelarlo. Posso dire che ci sarà qualche piccola sorpresa: sarà diverso, certo». Amadeus ha poi affermato di «non aver ancora deciso» chi sarà al suo fianco alla conduzione, rispondendo così a chi gli ha chiesto chi preferirebbe sul palco con lui tra Antonio Conte e il premier Giuseppe Conte: «Io sono tifoso dell’Inter, quindi…». (Aggiornamento di Massimo Balsamo)

AMADEUS SU SANREMO 2020: “COME LA FINALE DEI MONDIALI”

«L’apice di una carriera»: così Amadeus sull’occasione di presentare e ricoprire il ruolo di direttore artistico del Festival di Sanremo 2020. Il volto de I soliti ignoti coglie l’eredità di Claudio Baglioni e dovrà “fare i conti” con la 70esima edizione della kermesse canora: «Iniziamo a ricevere le canzoni ed a pensare agli ospiti, ai super ospiti: adesso inizia la parte più divertente», le parole del conduttore ai microfoni de I Lunatici. Senza dimenticare la parte legata ai giovani, ricordando che tornano le gare separate: «Stanno iniziando ad arrivare le richieste: ne resteranno sessanta, poi venti e alla fine saranno otto i giovani artisti che porterò all’Ariston». Amadeus ha poi ammesso di iniziare a sentire «la potenza mediatica del Festival», con Sanremo che è «come per un calciatore la finale dei Mondiali».

AMADEUS: “SE MADONNA VENISSE A SANREMO 2020 SAREI FELICE”

Negli scorsi giorni sono iniziati a circolare i primi rumors, basti pensare alla possibile presenza dell’influencer Chiara Ferragni, e Amadeus è netto ai microfoni de I Lunatici: «Le leggo e ci sorrido, non ho nulla contro le indiscrezioni. C’è un interesse talmente elevato che è ovvio che girino indiscrezioni, consigli velati e cose del genere». Il conduttore poi ammette: «Se venisse Madonna a Sanremo 2020 sarei felice, magari». Una battuta su Fiorello e Jovanotti, grandi artisti e suoi grandi amici: «Sono due fratelli, sono cresciuto insieme a loro e abbiamo vissuto dei periodi bellissimi negli anni Ottanta. Rosario mi ha detto che vuole esserci: li conosco benissimo, sanno che c’è una porta aperta e quando avranno il piacere di esserci possono venire tranquillamente». E rivela: «Jovanotti mi ha detto che Fiorello lo chiama quasi tutti i giorni, ma non ha voluto aggiungere nulla di più: qualsiasi cosa mi farà piacere».

© RIPRODUZIONE RISERVATA