Barbara Foria/ “Essere di Napoli è un dono, parodia Serena Bortone? Di lei mi colpì…”

- Emanuela Longo

Barbara Foria, l’attrice e comica si racconta da Francesca Fialdini: la gavetta, l’essere napoletana e le sue parodie, da Myrta Merlino alla Bortone

barbara foria da noi a ruota libera 640x300
Barbara Foria, Da noi a ruota libera

La comica Barbara Foria, ospite del programma Da Noi a Ruota libera, nella puntata speciale andata in onda ieri. Classe 1975, oltre a comica ed attrice è anche avvocato: “Ho fatto proprio l’Esame di Stato con tanto di abilitazione. Volevo sempre fare l’attrice ma anche studiare”, ha ammesso. La sua professione preferita resta però quella dell’attrice, sogno che aveva sin da piccola. “Mia madre dice sempre che mi ha fatto per allegria”, ha commentato, svelando quindi di aver sempre fatto la performer per gioco anche da piccola. Lei ha iniziato con la gavetta proprio dalla sua Napoli: “Ho iniziato con delle cose stranissime. Ho fatto tanto teatro dall’età di 14 anni”, ha raccontato.

Tra i suoi personaggi dell’anno – di cui ha regalato anche un’imitazione nel programma di Francesca Fialdini – c’è Myrta Merlino: “Io mi sono meravigliata di aver fatto questa parodia e che ha avuto un successo incredibile! Lei si è divertita tantissimo, mi ha fatto uno scherzo telefonico tra l’altro”, ha svelato. Tornando alle sue prime esperienze, la Foria ha lavorato anche nei villaggi turistici: “Dopo aver dato la sessione di esame autunnale a Giurisprudenza partivo per i villaggi turistici, la cosa più bella che un’attrice o un artista dovrebbe fare perchè è un’esperienza fi vita ed una grandissima gavetta. Io nasco come animatrice di contatto”, ha spiegato, ovvero coloro che animavano nel vero senso della parola.

BARBARA FORIA, LA SUA NAPOLI E LA GAVETTA

La città di Napoli ha contribuito molto a forgiare Barbara Foria: “Credo che essere napoletana un pochino, nel mio caso, è stato un dono. Io sono fortunata a essere napoletana perchè secondo me abbiamo un qualcosina in più, un’empatia, una solarità. Io sono vulcanica!”. La comica anche da piccola raccontava sempre delle barzellette. Nella vita le è anche successa una cosa stranissima: “Un gruppo di amici ed attori una sera mi dissero che c’erano dei provini per partecipare a La sai l’ultima. Ci serviva pubblico. Io andai a sostenere questo gruppo di amici ma loro mi avevano iscritto a mia insaputa. Io sono stata presa e i miei amici no, ma io non ero andata con la mia volontà. E’ stata una esperienza bellissima”, ha ammesso. Anche la barzelletta, come ha spiegato la Foria, “è un’arte”. Quando è girata davvero la ruota nella sua vita? “Quest’anno è stato un anno bellissimo e una grande girata di ruota ma emotivamente parlando la prima vera girata di ruota è stata Tintoria, un programma di Rai3, il primo programma televisivo di Belen”.

LA PARODIA DI SERENA BORTONE

Tra le altre imitazioni di successo di Barbara Foria, anche quella di Serena Bortone. “Mi sono divertita tantissimo e spero di continuare a farlo. E’ da tempo che studio Serena perchè sono una sua fan dai tempi di Agorà e quindi l’ho sempre seguita. Quando è arrivata su Rai1 la prima volta, forse sarà stata anche l’emozione in un ruolo diverso mi ha colpito la sua gestualità e mi ha trasmesso gioia”. La Foria ha poi voluto precisare come lei faccia parodia non imitazioni. “Mentre di Myrta mi ha colpito il timbro di voce”, ha proseguito, “di Serena mi ha colpito la gestualità ma anche lo sguardo”. Barbara si è letteralmente innamorata del suo personaggio. Cosa pensa invece del fatto che le donne nel suo campo siano finalmente valorizzate? “Era ora!”, ha commentato. “Ma credo che già da qualche anno la situazione sia stata sdoganata”, ha proseguito. “Secondo me ci sono tante donne attrici e comiche stra brave e molte non arrivano ad avere la popolarità in tv. Non esiste sesso nella comicità, non credo ci possa essere nella vita una divisione”, ha proseguito, “è la persona che deve essere brava a fare quella cosa”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA