BARBARA PALOMBELLI/ “La mia famiglia? Siamo un circo ma è una fatica…” (Verissimo)

- Emanuele Ambrosio

Barbara Palombelli ospite di “Verissimo – Le Storie” di Silvia Toffanin dopo la stagione vincente di “Stasera Italia”. Sul Coronavirus? “ho capito la tragedia”

barbara palombelli belve 630x300
Barbara Palombelli

Ospite a Verissimo Barbara Palombelli ha raccontato del suo privato ma soprattutto della sua grande famiglia. Una “pazza e bellissima famiglia”, come l’ha definita la conduttrice di Forum. “Siamo un circo. – ha infatti ammesso, per poi aggiungere – È una grande fatica tenere tutto insieme, l’album racconta i momenti più belli ma ci sono stati tante crisi e scontri. Però guardando indietro rifarei tutto tutto”, ha confessato a Silvia Toffanin. Barnara Palombelli è anche la madre di Serena, la ragazza che è stata concorrente dell’ultimo Grande Fratello di Barbara D’Urso. Serena è stata infatti adottata dalla conduttrice e suo marito Francesco Rutelli assieme a sua sorella. (Aggiornamento di Anna Montesano)

Barbara Palombelli “torna” a Verissimo

Barbara Palombelli ospite di “Verissimo – Le Storie” di Silvia Toffanin in onda sabato 20 giugno 2020 nel pomeriggio di Canale 5. La giornalista e conduttrice è reduce da una stagione vincente, dal punto di vista degli ascolti, di “Stasera Italia” in cui si è occupata dell’emergenza sanitaria da Coronavirus. Durante le dirette però la giornalista è stata anche al centro di una polemica dopo che parlando del rispetto delle regole anti contagio imposte dal Governo ha pronunciato la frase “al nord siamo più ligi al dovere”. Le sue dichiarazioni, manco a dirlo, sono scoppiate sui social al punto che la moglie di Francesco Rutelli è stata completamente travolta dalle critiche. Pesantissime le accuse da parte del popolo dei social e di internet da cui la giornalista si è difesa pubblicando un lungo post sui social.

“Qual è il motivo, se lo chiedono tutti. Oggi è venuto fuori che il 90% dei morti è nelle regioni del Nord: che ci può essere stato di più? Qualcosa di diverso, persone più ligie che quindi vanno tutte a lavorare… Come mai c’è questa esplosione al Nord?” – ha detto la Palombelli facendo poi una doverosa precisazione – “la libertà di opinione è sacra. La diffamazione via web è un reato. Tutti i post e gli autori contenenti ingiurie, calunnie e diffamazioni vengono e verranno identificati e chiamati a rispondere in sede civile di quanto hanno scritto. I miei avvocati sono al lavoro”.

Barbara Palombelli a Stasera Italia: “avrei voluto ospite Conte”

Ma non finisce qui, visto che Barbara Palombelli oltre a sottolineare che si sarebbe mossa per via legali ci ha tenuto a precisare una cosa: “estrapolare una frase da un contesto in cui si parlava esclusivamente della tragedia di Bergamo, travisandone il contenuto, è una operazione scorretta. Di tutto il resto si occuperanno polizia postale , magistratura e avvocati”. Una cosa è certa però la Palombelli è una che ci mette sempre la faccia e non si tira mai indietro nel dire la sua, come quando durante una intervista rilasciata a La Stampa ha dichiarato: “ci hanno preso in giro tutti a febbraio quando ho cominciato a chiedere di stare a casa e indossare le mascherine. Era il 23, il 27 Sala e Zingaretti hanno organizzato gli aperitivi con lo slogan Milano non si ferma. E le stesse cose dicevano Salvini e Renzi. Un messaggio devastante per il Nord che infatti è partito in massa per la settimana bianca. Era il periodo in cui si postavano foto mangiando gli involtini primavera per dimostrare di essere amici dei cinesi, per carità non è che ce l’ho con i cinesi, ma diciamo che mi sono sembrate cose fuori luogo. Sono stata preveggente?”.

La giornalista ha poi proseguito dicendo: “sono una fifona e per fortuna ho capito la tragedia che stava capitando grazie a Melania Rizzoli che mi inviava gli algoritmi dove si vedevano i centomila contagiati in prospettiva e all’oncologo milanese Garbagnati che ci ha accompagnato per tutta la stagione. All’inizio tutti facevano ironia sul virus. Bisognerà ricostruire giornalisticamente quelle due settimane, per vendicare e risarcire tutte quelle persone che sono morte da sole. Noi la mascherina l’abbiamo cominciata a usare il 20 febbraio, lo rivendico”. Infine parlando proprio di Stasera Italia e di chi avrebbe voluto come ospite in studio ha rivelato: “mi sarebbe piaciuto avere Conte. Ma va poco ospite, preferisce le conferenze stampa. Per il resto direi di no, sono venuti tutti quelli che abbiamo invitato”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA